fbpx Biennale Cinema 2020 | Meel Patthar (Pietra miliare)
La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

Meel Patthar (Pietra miliare)

Orizzonti

Regia:
Ivan Ayr
Produzione:
Jabberwockee Talkies (Kimsi Singh)
Durata:
98’
Lingua:
Hindi, Punjabi, Kashmiri
Paesi:
India
Interpreti:
Suvinder Vicky, Lakshvir Saran
Fotografia:
Angello Faccini
Montaggio:
Ivan Ayr
Scenografia:
Mukesh Kumar, Donna Bose
Costumi:
Sapna Bansal
Suono:
Gautam Nair
Effetti visivi:
David Nieman

sinossi

Non appena il veterano camionista Ghalib raggiunge la soglia dei 500.000 chilometri – un record per la sua azienda – accusa un improvviso dolore alla schiena. Decide di tornare a casa, e nell’ingresso trova una lettera ad attenderlo. Ghalib si reca nel suo villaggio deciso a impugnare una richiesta di risarcimento avanzata dalla famiglia della moglie defunta. Quando il consiglio del villaggio si pronuncia contro di lui, gli vengono concessi trenta giorni per stabilire un risarcimento adeguato. Mentre Ghalib lotta per risolvere il problema alla schiena, gli viene chiesto di addestrare un nuovo giovane camionista. A questo punto Ghalib inizia a temere che il suo lavoro e la sua vita gli stiano sfuggendo di mano. Come ogni pietra miliare, anche il record di Ghalib esige un prezzo da pagare.

commento del regista

Questo film rappresenta il ritratto di un individuo che lotta per emergere nella società indiana contemporanea, schiacciata dal peso delle enormi disparità e delle complessità che la caratterizzano. Al centro della storia troviamo un esperto autista di camion, un vedovo segnato dal passato, sullo sfondo di un sistema capitalistico che si sta sgretolando. Ho scelto la prospettiva di un camionista per mettere in risalto questo tipo di lotta in quanto vedo aspetti singolari e interessanti nella natura di questa professione. Una contraddizione in termini: una mobilità intrappolata entro i confini del proprio camion. Percorrere fisicamente delle distanze non significa necessariamente arrivare da qualche parte: un aspetto di cui il protagonista alla fine acquisisce consapevolezza. Il film è stato realizzato al culmine dell’inverno nell’India del Nord, principalmente nelle prime ore del mattino; il che si è rivelato utile per creare una messa in scena di stampo industriale, caratterizzata dalla inevitabile presenza di tonalità grigie e tetre.

PRODUZIONE/DISTRIBUZIONE

PRODUZIONE: Kimsi Singh - JABBERWOCKEE TALKIES LLP
Village Shergarh
146001 – Hoshiarpur, Punjab, India
Tel. +91 8427138439
singhkimsi@gmail.com

DISTRIBUZIONE INTERNAZIONALE: Kimsi Singh - JABBERWOCKEE TALKIES LLP
Village Shergarh
146001 – Hoshiarpur, Punjab, India
Tel. +91 8427138439
singhkimsi@gmail.com

UFFICIO STAMPA: Kimsi Singh - JABBERWOCKEE TALKIES LLP
Village Shergarh
146001 – Hoshiarpur, Punjab, India
Tel. +91 8427138439
singhkimsi@gmail.com


Condividi su

Biennale Cinema
Biennale Cinema