fbpx Biennale Danza 2021 | Film: Programma 1
La Biennale di Venezia

Your are here

Danza

Film: Programma 1



Germaine Acogny
Iya Tundé, la Mère est revenue (2017 - 52’)
Dancing at Dusk - A Moment with Pina Bausch’s The Rite of Spring (2020 - 35’)

Oona Doherty
Welcome to a Bright Limbo (2019 - 11’)
Idontknow (2020 - 5’)
The Devil (2020 - 9’)
Hope Hunt & The Ascension into Lazarus (2021 - 12’)

Iya Tunde, la Mère est revenue

Iya Tundé è la storia di una donna che ha realizzato i suoi sogni, e continua addirittura a superarli. Germaine Acogny, con il suo percorso, la sua forza e il suo interrogarsi, mi ricorda mia madre, una pianista a cui sono state tarpate le ali, nella versione di un’artista realizzata che avrebbe trionfato su tutto. Ah, il sogno infranto di mia madre! Iya Tundé è un omaggio a queste utopie, a questi sogni, che ci guidano, senza i quali la vita non avrebbe nessun sapore, nessun senso…
Laure Malécot

regia documentario Laure Malécot
produttore Moctar Ndiouga Bâ
controllo audio Achille Gaboua
montaggio Laye Diouf, Laure Malécot
immagine Imane Dionne, Tafa Touré, Marco Lena, Laure Malécot, Tiziana Manfredi, Siaka Soppo Traoré, Helmut Vogt
missaggio Vincent Lambert
sottotitoli in inglese Bruno Senghor
con Germaine Acogny
e la partecipazione di Wasis Diop, Patrick Acogny, Mikaël Serre, Olivier Dubois, Aïda Colmenero-Diaz, Alesandra Seutin, Fabrice Bouillon “LaForest”, Annette Mbaye d’Erneville, Ghislaine De Souza, Robyn Orlin, Fatim Faye, Bernard Mounier, Monique Mounier

Dancing at Dusk – A Moment with Pina Bausch’s The Rite of Spring
 

In questo splendido film, l’iconica coreografia di Pina Bausch The Rite of Spring (La sagra della primavera) viene eseguita in uno scenario straordinario, sulla spiaggia di Toubab Dialaw, in Senegal. Filmato mentre il mondo discendeva nel lockdown, cattura l’ultima prova di una compagnia appositamente assemblata, composta da trentotto ballerini provenienti da quattordici Paesi africani, e documenta un momento unico nella loro preparazione per una tournée internazionale. Una rara opportunità di ammirare una delle più grandi opere di danza a livello mondiale.

prodotto da Pina Bausch Foundation, École des Sables & Sadler’s Wells
coreografia Pina Bausch
musica Igor Stravinskij
scenografia e costumi Rolf Borzik
collaborazione Hans Pop
danzatori Rodolphe Allui, Sahadatou Ami Touré, Anique Ayiboe, D’Aquin Evrard Élisée Bekoin, Gloria Ugwarelojo Biachi, Khadija Cisse, Sonia Zandile Constable, Rokhaya Coulibaly, Astou Diop, Serge Arthur Dodo, Estelle Foli, Aoufice Junior Gouri, Luciény Kaabral, Zadi Landry Kipre, Bazoumana Kouyaté, Babacar Mané, Vasco Pedro Mirine, Stéphanie Mwamba, Florent Nikiéma, Shelly Ohene-Nyako, Brian Otieno Oloo, Harivola Rakotondrasoa, Oliva Randrianasolo (Nanie), Asanda Ruda III, Tom Jules Samie, Amy Collé Seck, Pacôme Landry Seka, Gueassa Eva Sibi, Carmelita Siwa, Armel Gnago Sosso-Ny, Amadou Lamine Sow, Aziz Zoundi
altri danzatori della compagnia Korotimi Barro, Inas Dasylva, Franne Christie Dossou, Profit Lucky, Vuyo Mahashe, Didja Kady Tiemanta
regia e montaggio Florian Heinzen-Ziob
direttore della fotografia Enno Endlicher
registrazioni e sound design Armin Badde
produzione polyphem Filmproduktion
direttori artistici Josephine Ann Endicott, Jorge Puerta Armenta
direttori prove Clémentine Deluy, Çağdaş Ermiş, Ditta Miranda Jasjfi, Barbara Kaufmann, Julie Shanahan, Kenji Takagi

Welcome to a Bright White Limbo

Unendo insieme documentario e performance di danza, questo film innovativo, poetico e visivamente affascinante si immerge nella mente e nel processo creativo di Oona Doherty per il pluripremiato spettacolo di danza Hope Hunt & the Ascension into Lazarus.

interprete principale Oona Doherty
regia Cara Holmes
produttore Zlata Filipovic
sceneggiatrice Cara Holmes
direttore della fotografia Luca Truffarelli
montaggio Mick Mahon
compositore DIE HEXEN

Idontknow

“Non so / Ti ribolle dentro, Come un bollitore / Come una padella che sputa fuori olio bollente. / Vaganti, fradicie, strade vuote / La luce blu della tv che si irradia / Un battito sporco / I nostri piedi che battono / Non so dove metterlo / A volte / A volte hai solo bisogno di un abbraccio”
Oona Doherty, maggio 2020

Oona Doherty ha girato questo video a Belfast la notte prima che la città entrasse in lockdown.

di Oona Doherty & Luca Truffarelli
coreografa Oona Doherty
performers Oona & Janie Doherty
direzione della fotografia e montaggio Luca Truffarelli
responsabile della messa a fuoco Mike Lockhart
assistente operatore Alex Hutchinson
musica Jamie xx, Idontknow

The Devil

The Devil è un esempio piuttosto raro di performer visibilmente incinta sotto i riflettori. Un film di transizione. Passando dalla vecchia Oona, dai vecchi spettacoli, alla nuova era. Il mio prossimo spettacolo è violento, grande e crudele: Navy Blue 2022. Quindi è quello che abbiamo fatto, abbiamo filmato la nascita di un cattivo. Viviamo in tempi brutali ragazzi, mi sto adattando, disse la bestia.
Oona Doherty

di Oona Doherty & Luca Truffarelli
l’assassino Oona Doherty
l’assassinato Rosie Mullen
rope artist Siobhán Barbour
commissionato da Irish Arts Centre NY

Hope Hunt & the Ascension into Lazarus

Un’energia fanciullesca e audace. Per il cuore. Con il cuore. Forza, figliolo. Dimmelo. We’re Still Hunting 2021 è una versione cinematografica dello spettacolo. Un eloquente trascinamento della telecamera attraverso le realtà dell’essere uno Hope Hunter.
Oona Doherty

di Oona Doherty & Luca Truffarelli
cacciatori Sati Veyrunes & Ryan O’Neil
musica Strength NIA, Northern Ireland Yes Oona Doherty mix (Gregorio Allegri, Miserere Mei, Deus con il documentario Wee Bastards)
commissionato da London Art Night

Teatro Piccolo Arsenale

SESTIERE CASTELLO
CAMPO DELLA TANA, 2169/F
30122 VENEZIA
TEL. 0415218711
info@labiennale.org

Scopri la sede

Vedi su Google Maps

Condividi su

Biennale Danza
Biennale Danza