fbpx Biennale Musica 2019 | Biennale College - CIMM masterclass
La Biennale di Venezia

Your are here

Biennale College – CIMM 2019

masterclass internazionale di informatica musicale e multimediale

Masterclass 11-17 novembre 2019

Il Centro di Informatica Musicale e Multimediale della Biennale di Venezia diretto da Ivan Fedele intende promuovere e sostenere le diverse culture della musica elettronica.
Fra i progetti del CIMM per il 2019 è previsto un ciclo di masterclass che si terrà a Venezia dall’11 al 16 novembre 2019. La masterclass si concluderà il 17 novembre con un concerto (programma da definire) che è parte integrante del percorso.

Il bando è rivolto a giovani compositori selezionati attraverso call internazionale.
Le masterclass prevedono l’intervento di ricercatori, compositori e artisti provenienti da alcuni tra gli studi di informatica musicale e multimediale più all’avanguardia a livello internazionale.

Le giornate di lavoro si compongono di due sezioni d’approfondimento:

  1. teorica: comunicazione dei relatori sullo stato e le applicazioni delle ricerche in cui sono impegnati.
  2. pratica: masterclass e workshop frontali e di gruppo con i giovani compositori selezionati presso gli studi di musica elettronica della Biennale.

Al termine dei lavori, il Direttore Ivan Fedele si riserva la possibilità di segnalare un massimo di tre partecipanti che potranno ricevere una commissione per la Biennale Musica 2020.

 

MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE
Ai candidati si richiede di compilare in tutte le sue parti il formulario di iscrizione online e di allegare la documentazione digitale richiesta (in lingua italiana o inglese):

  • foto formato fototessera 
  • curriculum vitae in PDF
  • lettera motivazionale
  • 2 partiture con relative registrazioni di composizioni per strumenti e elettronica o anche 2 tracce di composizioni acusmatiche. 

Le domande incomplete saranno automaticamente escluse.

Il percorso si terrà in lingua italiana e inglese. È richiesta la conoscenza di entrambe le lingue.
La partecipazione al progetto comporta l’obbligo di frequenza.
La scadenza per l’invio delle domande di partecipazione è il 5 ottobre 2019.

Formulario di iscrizione

 

A chi è rivolto
Il bando è rivolto a giovani compositori maggiorenni che non abbiano compiuto i 31 anni di età alla data di scadenza del bando. I candidati devono essere in possesso di Diploma di Conservatorio oppure frequentare il terzo anno del Triennio.
La direzione artistica selezionerà un massimo di 20 partecipanti.

Costi
A ogni partecipante sarà richiesto il pagamento per i diritti di segreteria pari a € 80,00 (IVA inclusa, non rimborsabili) che dovranno essere versati esclusivamente tramite carta di credito successivamente alla comunicazione di ammissione, e comunque non oltre la data che verrà indicata.
Tutti i costi relativi alla partecipazione (viaggio, vitto, alloggio, trasporti locali) saranno a carico dei partecipanti.

Programma degli interventi

GRAME (Lione, Francia)
Yann Orlarey relatore e docente
Argomento: Presentazione del programma FAUST – Progettazione strumenti elettronici e plug-ins audio con il linguaggio Faust

Faust (Functional Audio Stream) è un linguaggio funzionale di programmazione per la sintesi del suono e l’elaborazione audio, con particolare attenzione alla progettazione di sintetizzatori, strumenti musicali, effetti audio, etc. Faust punta ad applicazioni ad alta prestazione per l’elaborazione dei segnali e a plug-in audio per varie piattaforme e standard. La componente centrale di Faust è il suo compilatore. Permette di “tradurre” qualsiasi specifica Faust per l’elaborazione numerica dei segnali (DSP) in un'ampia gamma di linguaggi non specifici a un dominio, quali C++, JAVA, JavaScript, LLVM codice bit, WebAssembly, etc. In questo senso, Faust può considerarsi un’alternativa al C++, ma è molto più semplice e intuitivo da imparare.

 

CRM – Centro Ricerche Musicali (Roma, Italia)
Laura Bianchini e Michelangelo Lupone relatori e docenti
Argomento:
Creazione-Fruizione. Forme innovative dell’arte musicale (Laura Bianchini)
Poetica e tecnica del Feed-back per l'aumentazione degli strumenti (Michelangelo Lupone) - assistente, computer music specialist (Silvia Lanzalone)

Lo studio delle caratteristiche con cui la materia vibra e irradia energia acustica è oggetto della ricerca artistica, scientifica, espressiva condotta al CRM di Roma, e costituisce uno degli aspetti di convergenza della produzione musicale del Centro. L’analisi e il controllo vibrazionale della materia sono stati declinati in due principali applicazioni: l’aumentazione, intesa come estensione delle proprietà acustiche ed esecutive degli strumenti musicali tradizionali, l’adattività, intesa come capacità di trasformazione di un una composizione musicale in funzione dell’interazione con l’uomo, l’ambiente e il trascorrere del tempo (installazione d’arte, opera plastico-musicale, opera distribuita e collaborativa).
Il workshop prevede una parte teorica e una parte pratica con l'implementazione di diversi sistemi di feed-back finalizzati alla creazione musicale.

 

IRCAM - Institut de Recherche et Coordination Acoustique/Musique
Frédéric Bevilacqua (ricercatore responsabile) e Michelle Agnes Magalhaes (compositore)
Argomento: Presentazione del programma di ricerca dell’IRCAM sull’Interazione fra suono e movimento & Interazione collettiva

Stiamo sviluppando una piattaforma generica per l'interazione collaborativa e collettiva legate alle più recenti tecnologie per la telefonia mobile e per la rete (progetti CoSiMa, BeCoMe, CoMo/Elements). Le applicazioni prevedono esecuzioni collettive di musica, concerti con la partecipazione del pubblico, giochi collaborativi, pedagogia di danza o di musica. La nostra piattaforma in rete trasforma lo smartphone che ognuno si porta in tasca in uno strumento capace di creare nuovi paradigmi per l'ascolto, l'esecuzione e la composizione della musica collettiva.

 

CSC - Centro di Sonologia Computazionale dell’Università di Padova e Laboratorio SaMPL del Conservatorio “C. Pollini” di Padova.
Alvise Vidolin e Luca Richelli relatori e docenti
Argomento: Estensioni gestuali. Workshop di composizione ed esecuzione Live Electronics con tecniche di Motion Capture

Il repertorio musicale con uso di tecniche Live Electronics è in continua espansione sia per l’interesse dei compositori, sia per la crescita di nuove generazioni di esecutori elettronici, sia per lo sviluppo di ricerche scientifiche e tecnologiche finalizzate alla progettazione di nuovi strumenti che soddisfino le esigenze compositive ed esecutive di questo settore della musica contemporanea. Le molteplici esperienze che caratterizzano questo repertorio oltre ad aver consegnato alla storia innumerevoli opere musicali di grande pregio, hanno evidenziato le problematiche di interazione fra gli esecutori tradizionali (voce e strumenti) e gli esecutori elettronici (live electronics e regia del suono) causate da una separazione dei ruoli, che spesso portano a considerare il musicista tradizionale un semplice generatore di suoni al servizio dell’elaborazione elettronica. Ne consegue che il gesto musicale viene suddiviso in due azioni indipendenti che richiederebbero tempi di prova ed affiatamenti ben superiori a quelli concessi nella prassi musicale contemporanea. E comunque, proprio a causa di questa separazione, sarebbe difficile ottenere gestualità espressive paragonabili a quelle tradizionali. A titolo di esempio, sarebbe come suonare un violino affidando a due persone distinte l’archetto e la tastiera.

 

Andrew Quinn relatore e docente
Argomento: TouchDesigner - Audio reactive visual, Videomapping and Interactive LED

TouchDesigner è un software intuitivo a base di nodi per la produzione di grafiche reattive all'audio in tempo reale, per musicisti che vogliono comporre anche i visual come contrappunto alla loro musica. Può generare 3d precisi per il video mapping e produrre un pixel mapping audio-reattivo verso LED via dmx. Comunica con il software audio attraverso MIDI, OSC o per link diretto con ableton live per una perfetta sincronizzazione con l'audio, o può analizzare una sorgente audio. È lo strumento perfetto per musicisti che vedono e sentono la loro musica, ideale per esecuzioni con tastiere, controller MIDI, sensori o dispositivo di tracciamento: si può linkare allo software musicale prescelto, o semplicemente collegarsi dal vivo a orchestra o ensemble.

 

EMA (Estonian Academy of Music and Theatre)  Da confermare
Paolo Girol relatore e docente, direttore del Department of Composition and Improvisational Performing Arts
Argomento: AudioVisual Composition

Il corso di laurea in Composizione e Tecnologia Musicale del Department of Composition and Improvisational Performing Arts dell’Estonian Academy of Music and Theatre prevede una specializzazione nella Composizione Audio-Visiva. Questa specializzazione intende integrare il mondo innovativo delle arti visive con il pensiero musicale; gli studenti sono accompagnati nello studio della musica tradizionale ed elettronica, la storia, e le arti visive. La pittura, la fotografia e l'animazione sono trattati come parametri musicali, da considerare come estensione dell'arte sonora e degli approcci alla composizione. Sono previsti corsi su temi propri di altre discipline artistiche: gli studenti possono imparare il montaggio, la semiotica del cinema, la teoria del colore, etc. Data la natura interdisciplinare del corso, il programma di composizione collabora con realtà nazionali ed internazionali. I risultati creativi della specializzazione in Composizione Audio-Visiva hanno richiamato in anni recenti l'attenzione di molti operatori accademici e culturali, quali ZKM di Karlsruhe (Germania), IRCAM di Parigi (Francia) e INTERFACES network di Leicester (Regno Unito), fra gli altri.

Note

Queste attività sono realizzate grazie al sostegno della SIAE – Società Italiana Autori ed Editori.

Il programma può subire variazioni.

Per informazioni:
cimm-masterclass@labiennale.org

Biennale Musica
Biennale Musica