fbpx Archivio Storico | È online una nuova Mostra Virtuale dell’Archivio Storico
La Biennale di Venezia

Your are here

È online una nuova Mostra Virtuale dell’Archivio Storico
Archivio Storico -

È online una nuova Mostra Virtuale dell’Archivio Storico

Registe alla Biennale – Biennale Teatro 1934 - 2016, dedicata alle donne registe, ripropone l’esposizione presentata a Ca’ Giustinian nel 2017.

Nuovo appuntamento con le Mostre Virtuali dell’Archivio Storico sul sito web della Biennale di Venezia.
Dopo L’idea del corpo, sempre disponibile online, è la volta di Registe alla Biennale – Biennale Teatro 1934 - 2016, che ripropone l’esposizione presentata a Ca’ Giustinian nel 2017, in occasione del 45. Festival Internazionale del Teatro intitolato alla regia.

Registe alla Biennale

Attingendo alla collezione dell’Archivio Storico delle Arti Contemporanee della Biennale di Venezia, la mostra è un excursus cronologico sulla presenza delle donne registe nella storia della Biennale Teatro a partire dalle origini, nel 1934, fino ai nostri giorni.

Fotografie, locandine, manifesti delle passate edizioni del Festival Internazionale del Teatro sono state selezionate dal Direttore del Settore Antonio Latella, che spiega come la mostra intenda “recuperare, attraverso adeguata documentazione, anche frammenti di esperienze forse cadute nell’oblio, passaggi di artiste che soltanto il necessario, fondamentale contributo offerto dal patrimonio dell’Archivio Storico può permettere di riportare alla luce, offrendoci la possibilità di comprendere che ciò che siamo e ciò che ci permettiamo di fare oggi lo dobbiamo a chi ci ha preceduto. Un viaggio cronologico nella memoria, quindi, che non è solo ricordo ma testimonianza viva, racconto delle infinite possibilità di linguaggio che il teatro offre e che le artiste della storia della Biennale Teatro possono continuare a raccontarci nel loro silenzioso essere state ed essere di nuovo insieme”.

Pescando nella storia della Biennale Teatro, negli anni Cinquanta si trovano figure di attrici-registe come Edwige Feuillère, considerata “la nuova Sarah Bernhardt”, interprete e regista di una memorabile Madama delle Camelie, o Shelah Richards, che da Dublino approda a Broadway, o ancora la polacca Krystyna Skuszanka.
Negli anni Sessanta La Biennale testimonia la rivoluzione del teatro con figure fondanti come Judith Malina, che con Julian Beck è stata anima del Living Theatre, Ariane Mnouchkine, fondatrice del Théâtre de Soleil che trova casa nella periferia parigina della Cartoucherie, Mina Mezzadri, prima regista teatrale in Italia, promotrice della Compagnia della Loggetta e pioniera del teatro-documento.
Negli anni Settanta e Ottanta fanno la loro comparsa alla Biennale le esperienze multidisciplinari di Meredith Monk, quelle intellettuali e politiche di Dacia Maraini e Annabella Cerliani, fra le fondatrici dell’associazione La Maddalena Teatro e della rivista effe, quelle squisitamente letterarie di Marguerite Duras, autrice e regista di Savannah Bay, presentato nella struttura ad arca di Noè che Renzo Piano aveva ideato nella Chiesa di San Lorenzo per Luigi Nono, interpreti due grandi attrici, Madeleine Renaud e Bulle Ogier. E soprattutto l’esperienza che più ha influito sul teatro di quegli anni: Pina Bausch, invitata da Franco Quadri con una storica antologica dei suoi capolavori.
Un filone che attraversa la storia della Biennale è quello del teatro ragazzi e del teatro di figura, testimoniato da esponenti importanti come Catherine Dasté, erede diretta della tradizione di Jacques Copeau, Marise Flach, grandissima pedagoga oltre che artista, formata alla scuola di Étienne Decroux, Leokadia Serafinowicz con il suo teatro di marionette polacco; e ancora Mara Baronti con i suoi racconti fiabeschi e Loredana Perissinotto, che dell’animazione ha fatto una missione.
È storia recente, invece, quella di artiste e registe che ancora oggi contribuiscono a scrivere la storia della scena internazionale, come, per citarne solo alcune: Monica Conti, Alessandra Vanzi (La gaia scienza), Kirsten Dehlholm (Hotel Pro Forma), Maria Donata D’Urso, Emma Dante, Sophiline Cheam Shapiro, Yael Daniels, Silvia Rampelli, Liza May Post, Céline Astrié (compagnia Nanaqui), Christiane Jatahy, Gabriela Carrizo (Peeping Tom), Daniela Nicolò (Motus), Valeria Raimondi (Babilonia Teatri), Angélica Liddell.

Con le Mostre Virtuali La Biennale di Venezia continua il programma di valorizzazione dei materiali dell’Archivio Storico, rendendoli accessibili a tutto il pubblico di curiosi, appassionati, studiosi.

Biennale Teatro 2020

Il 48. Festival Internazionale del Teatro diretto da Antonio Latella si svolgerà a Venezia dal 14 al 25 settembre.


Condividi su