fbpx Biennale Architettura 2018 | Brasile
La Biennale di Venezia

Your are here

Brasile

Muros de Ar / Walls of Air


  • MAR - DOM
    10.00 - 18.00
  • Giardini
  • Ingresso con biglietto

Commissario: João Carlos de Figueiredo Ferraz - Fundação Bienal de São Paulo

Curatori: Gabriel Kozlowski, Laura González Fierro, Marcelo Maia Rosa and Sol Camacho

Espositori: Corsi Hirano Arquitetos, Pedro Varella, Gru.a Arquitetos, Una Arquitetos, Laboratório de Urbanismo da Metrópole – LUME da FAUUSP, Metrópole Arquitetos, Triptyque Architecture, Sem Muros Arquitetura Integrada, Pedro Évora, Bernardes Arquitetura, Rosenbaum + Aleph Zero, H+F Arquitetos, Vigliecca & Associados, Boldarini Arquitetos, Libeskindllovet Arquitetos, Jansana, de la Villa, de Paauw arquitectes, Studio MK27, SP Urbanismo, SIAA + HASAA, Brasil Arquitetura, Sauermartins + Metropolitano Arquitetos, Atelier Marko Brajovic

descrizione 

Muros de Ar/Walls of Air esplora le modalità con cui leggere, sfidare e infrangere i confini materiali e immateriali del Brasile e della sua architettura. Accoglie la proposta FREESPACE come una provocazione per mettere in discussione le diverse forme di muri che strutturano, su più scale, il territorio brasiliano, ma anche per ripensare i confini disciplinari propri dell’architettura e la sua relazione con gli altri campi del sapere. I curatori hanno istituito un comitato multidisciplinare e invitato un gruppo di consulenti a partecipare alla creazione della mostra. Noti professionisti indipendenti da tutto il Paese, insieme a studiosi impegnati nella ricerca, hanno avuto uno scambio di idee con il team curatoriale per creare i disegni cartografici su larga scala esposti nel padiglione. I dettagliati disegni di Walls of Air rendono visibili le forme di separazione spaziale e concettuale che sono il risultato dei processi di urbanizzazione susseguitisi in Brasile. Oltre alle 10 grandi cartografie, il padiglione presenta, nella sala d’ingresso, disegni e modelli di 17 progetti architettonici da 9 città brasiliane. I progetti, disegnati da giovani o da già affermati architetti locali, riflettono la possibilità di concepire l’architettura come mezzo per riconcettualizzare le barriere all’interno delle nostre città.


Condividi su

Biennale Architettura
Biennale Architettura