fbpx Biennale Cinema 2018 | The Unknown Patient
La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

The Unknown Patient

Venice Virtual Reality

Regia:
Michael Beets
Produzione:
Unwritten Endings (Bethany Jones), VRTOV (Katy Morrison)
Durata:
9’
Lingua:
inglese
Paesi:
Australia
Interpreti:
Lily Sullivan, Felicity Steel, Michael Robinson
Sceneggiatura:
Michael Beets
Musica:
Luke Howard
Suono:
Frostfire Audio
Note:
Stand Up

Sinossi

1916. Un uomo con l’uniforme dell’esercito australiano si aggira per le strade di Londra. Non sa chi sia. Ritenuto inabile al servizio militare, dichiarato un “disertore”, l’uomo viene rinchiuso in un manicomio di Sydney dove trascorre dodici anni privo di identità: smarrito e dimenticato. Questo episodio pilota segna l’inizio della vera storia di come il “paziente sconosciuto” è stato ritrovato. Con il supporto della realtà virtuale interattiva e attraverso la scoperta e l’introspezione dei ricordi e degli episodi di vita vissuta dal paziente, il pubblico è incoraggiato a ricostruirne l’identità. In questo modo, gli spettatori sperimentano l’impatto che la guerra ha avuto sulla psiche dei soldati che sono riusciti a tornare a casa e la speranza che questa storia ha riacceso in una nazione in lutto.

Commento del regista

Il “paziente sconosciuto” ha trascorso dodici anni, dimenticato e privo di identità. La sua incredibile storia è un’esperienza con la quale chiunque può entrare empaticamente in sintonia, provando il senso di smarrimento, l’incapacità di afferrare le cose note e, alla fine, la gioia di essere ritrovato e circondato dall’amore.

Produzione/Distribuzione

PRODUZIONE 1: Unwritten Endings
24/248 The Avenue
3052 – Victoria, Australia
Tel. +61422901257
bethany@unwrittenendings.com
http://www.unwrittenendings.com

PRODUZIONE 2: VRTOV
PO Box 14 Flinders Lane VIC
8009 – Victoria, Australia
Tel.+ 61 46888 252
katy@vrtov.com
http://www.vrtov.com

UFFICIO STAMPA: Miranda Brown Publicity
1st Floor, 110 Argyle Street,
Fitzroy 3065, Victoria Australia
Tel+61 3 9419 0931
miranda@mbpublicity.com.au

 


Condividi su

Biennale Cinema
Biennale Cinema