fbpx Biennale Cinema 2019 | Way of a Gaucho (Il grande gaucho)
La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

Way of a Gaucho (Il grande gaucho)

Venezia Classici

Regia:
Jacques Tourneur
Produzione:
Twentieth Century Fox
Durata:
87’
Lingua:
inglese
Paesi:
Usa
Anno:
1952
Interpreti:
Rory Calhoun, Gene Tierney, Richard Boone
Sceneggiatura:
Philip Dunne
Fotografia:
Harry Jackson
Montaggio:
Robert Fritch
Scenografia:
Mark Lee-Kirk, Lyle R. Wheeler
Costumi:
Charles Le Maire, Mario Vanarelli
Musica:
Sol Kaplan
Effetti visivi:
Roy Kellogg
Restauro:
Twentieth Century Fox, The Film Foundation

Sinossi

Un gaucho, costretto ad arruolarsi per evitare di andare in prigione per omicidio, diserta e organizza una banda di fuorilegge per rallentare la costruzione della ferrovia. Il capo della polizia, che era stato suo superiore nell’esercito, giura di riportarlo indietro. Il gaucho capisce che non può vincere e che deve lasciare che i lavori della ferrovia vadano avanti, mentre il poliziotto gli permette di andarsene e di sposare la giovane aristocratica che ama.

Nota critica

Il film si apre con delle riprese in campo lungo di una pampa. Alcuni gauchos a cavallo incontrano il loro leader, Miguel, che torna dalla città su una carrozza, e lo accompagnano a una festa. Queste scene iniziali hanno un’allegria e un colore che ricordano The Flame and the Arrow. Dopo questo iniziale sviluppo, inteso a creare un contrasto drammatico, il film cambia rapidamente direzione. Come in altri film di Tourneur, ci ritroviamo nel mezzo della storia prima di avere abbastanza informazioni per valutare l’importanza di quel che vediamo. Proprio perché ignoriamo tali informazioni, interpretiamo la relazione tra Martín e Miguel nel suo pieno valore mitico. Poiché si chiamano ‘fratello’ a vicenda, li vediamo come una coppia di fratelli in una favola, il più vecchio dei quali ha ereditato il nome e la ricchezza del padre, mentre il più giovane resta – per il momento lealmente – nella sua ombra. Intuiamo che Martín, sebbene non sia il figlio biologico del padre di Miguel, è un figlio più onesto nei suoi confronti di Miguel stesso, e che le azioni di Martín rispecchiano ‘lo stile di un gaucho’, al contrario di quelle di Miguel. La libertà che Martín cercherà per tutto il resto del film, ormai esiste nel mondo del film solo come un mito del passato.
Chris Fujiwara, The Cinema of Nightfall: Jacques Tourneur, Johns Hopkins University Press, 2001

Produzione/Distribuzione

PRODUZIONE 1: Twentieth Century Fox
10201 W. Pico Blvd.
90067 – Los Angeles, United States
Tel. 1-310-369-3171
stephany.kim@fox.com

PRODUZIONE 2: The Film Foundation
7920 Sunset Blvd., 6th Floor
90046 – Los Angeles, United States
Tel.1-323-436-5060
kmerola@Film-foundation.org
http://www.film-foundation.org/

PRODUZIONE ALL’EPOCA DELLA REALIZZAZIONE: Twentieth Century Fox

DISTRIBUZIONE INTERNAZIONALE: Jack Bell – Park Circus
15 Woodside Crescent
G3 7UL, Glasgow, United Kingdom
Tel. + 44 0)141 323 2175
info@parkcircus.com
http://www.parkcircus.com

DISTRIBUZIONE ITALIANA: Bell Jack – Park Circus
15 Woodside Crescent
G3 7UL, Glasgow, United Kingdom
Tel. + 44 0)141 323 2175
info@parkcircus.com
http://www.parkcircus.com


Condividi su

Biennale Cinema
Biennale Cinema