fbpx Biennale Cinema 2021 | Vera andrron detin (Vera sogna il mare)
La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

Vera andrron detin (Vera sogna il mare)

Orizzonti

Regia:
Kaltrina Krasniqi
Produzione:
Isstra Creative Factory (Shkumbin Istrefi), Dream Factory (Ognen Antov), Papadhimitri Production (Dionis Papadhimitri)
Durata:
87’
Lingua:
Albanese
Paesi:
Kosovo, Albania, Macedonia del Nord
Interpreti:
Teuta Ajdini Jegeni, Alketa Sylaj, Astrit Kabashi, Refet Abazi, Arona Zyberi
Sceneggiatura:
Doruntina Basha
Fotografia:
Sevdije Kastrati
Montaggio:
Vladimir Pavlovski, Kaltrina Krasniqi
Scenografia:
Burim Arifi, Blendina Xhema
Costumi:
Albulena Borovci
Musica:
Petrit Çeku, Genc Salihu
Suono:
Igor Popovski, Darko Spasovski

Sinossi

Interprete di mezza età specializzata nel linguaggio dei segni, Vera conduce un’esistenza articolata: moglie di un rinomato giudice, madre estremamente presente e nonna affettuosa. Tuttavia, la serenità della sua vita viene sconvolta dal suicidio del marito e dall’indesiderato, continuo e minaccioso arrivo di uomini che rivendicano la proprietà della loro casa di famiglia. Quando le tessere di un complotto criminale inizieranno a comporsi, il mondo di Vera si troverà in pericolo e sarà sul punto di crollare. Paura e sfiducia la obbligheranno a prendere in mano il destino della sua famiglia. Il film mette in scena il ritratto intimo e allo stesso tempo universale di una donna che deve affrontare la cruda realtà quando si scontra con le disparità di genere ancora profondamente radicate ai nostri giorni.

Commento del regista

Mia madre Vera aveva trentacinque anni quando divorziò da mio padre. Cresciuta nella Jugoslavia socialista, credeva nel sistema giudiziario. Per garantire la nostra eredità, si batté duramente in tribunale ma ne uscì sconfitta. Fu questa la prima volta in cui, misurandosi con i limiti di una società di cui desiderava far parte, capì che il sistema legale seguiva una dinamica fortemente patrilineare che, avendo storicamente discriminato le donne in merito a questioni come il diritto alla proprietà, le costringeva per tutta la vita alla dipendenza economica dagli uomini. Mi interessava sfidare il tradizionale tema dell’eroe maschile, personaggio il cui arco di trasformazione spesso non corrisponde all’esperienza delle donne e di altre figure emarginate. Allo stesso tempo ho cercato di non replicare il tropo della donna repressa e priva di obiettivi.
Il destino di Vera mette in luce una spietata società postbellica invischiata nella corruzione, in cui le donne possono essere solo un danno collaterale di uno sviluppo che non vuole ostacoli. Mi vedo come un’intima e curiosa osservatrice della vita di Vera; intenta a metabolizzare il dramma interiore della sua esperienza quotidiana.
La sottomissione di Vera mi mette a disagio e mi commuove allo stesso tempo perché sia il cinema che la letteratura hanno raramente, se non mai, ritratto le donne della sua generazione. Innumerevoli stereotipi vengono rappresentati nel loro nome ma come afferma Zadie Smith: “La prima generazione fa quello che la seconda non vuole fare, così la terza è libera di fare quello che preferisce”.

Produzione/Distribuzione

PRODUZIONE 1: Shkumbin Istrefi - Isstra Creative Factory
Str. Universiteti Sylejman Vokshi) 36/4
10000 – Prishtina, Kosovo
Tel. +383 44503040
isstra@gmail.com
http://www.isstra.com

PRODUZIONE 2: Ognen Antov – Dream Factory
Kej 13 Noemvri 5/8
1000 – Skopje, North Macedonia
Tel. +389 70255888
ognenantov@gmail.com
http://www.dfm.mk

PRODUZIONE 3: Dionis Papadhimitri - Papadhimitri Production
Rr. Myslym Shyri P55/1 Shk 1 Ap 3
1001 – Tirana, Albania
Tel. +355 672060422
info@papadhimitriproduction.com
http://www.papadhimitriproduction.com/

DISTRIBUZIONE INTERNAZIONALE: Ioanna Stais (Head of Sales & Acquisitions) – Heretic
36, alkmanos str.
11528 – Athens, Greece
Tel. +30 210 600 52 60
www.heretic.gr

UFFICIO STAMPA: Kathleen McInnis – See-Through Films LLC
620 N Plymouth Blvd
CA 90004 – Los Angeles, United States of America
Tel. +1 310 733 9805
k.mcinnis@see-throughfilms.com
https://www.facebook.com/SeeThroughFilms


Condividi su

Biennale Cinema
Biennale Cinema