fbpx Biennale Cinema 2021 | Tearless
La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

Tearless

Venice VR Expanded

Regia:
Gina Kim
Produzione:
Cyan Films, Mass Ornament Films, Venta VR
Durata:
12’
Lingua:
Inglese, coreano
Paesi:
Corea del Sud, Usa
Interpreti:
Boryeong Kim
Sceneggiatura:
Gina Kim
Fotografia:
Hongyeol Park
Montaggio:
Moa Son, Gina Kim
Costumi:
Young A Lee
Suono:
Myunghwan Han
Effetti visivi:
Daewon Yoon
Platform:
Oculus & Viveport
Devices:
HTC Vive/Vive Pro/Pro 2 Oculus Rift/Rift S/Quest w/link Oculus Quest 1/Quest 2 Valve Index
Production designer:Heejung Lee

Sinossi

Tearless non racconta una storia; piuttosto porta lo spettatore all’interno di un’esperienza in un luogo chiamato Monkey House. Successivamente alla Guerra di Corea, ogni anno circa 25.000 militari statunitensi hanno vissuto nelle basi militari americane della Corea del Sud occupando quasi un quinto dello spazio vivibile del Paese. Il governo coreano e quello statunitense lavorarono insieme alla costruzione di 96 accampamenti forniti di bordelli e locali nei pressi delle basi militari americane, con il coinvolgimento di un milione di donne. Negli anni Settanta, il governo coreano impose alle donne degli accampamenti di mostrare regolarmente una targhetta numerata insieme all’esito del test delle malattie veneree, in seguito alle pressioni del governo statunitense per ridurre tra i propri soldati il tasso delle malattie trasmesse sessualmente. Le donne sospettate di avere contratto una malattia venerea venivano rinchiuse in un centro di detenzione e curate con massicce dosi di penicillina che comportarono gravi effetti collaterali e talvolta anche il decesso. Alcune donne andavano incontro alla morte nel tentativo di fuggire. Il centro di detenzione fu soprannominato Monkey House poiché la gente poteva udire le donne che, urlando come scimmie rinchiuse in uno zoo, imploravano di essere liberate. Sebbene non sia più operativo, l’edificio Monkey House esiste ancora, un luogo spettrale diviso tra due nazioni moderne che nessuno rivendica.

Commento della regista

La questione che dura da novant’anni riguardante le “donne di conforto” coreane destinate ai militari statunitensi è più importante che mai: è la storia dell’origine della feticizzazione e della violenza contro le donne asiatiche negli Stati Uniti. Simbolo delle devastazioni e contraddizioni del XX secolo, le donne di conforto al servizio dei militari statunitensi non hanno mai ricevuto alcun tipo di risarcimento o riconoscimento pubblico. Tearless intende narrare l’esperienza di queste donne ancora in vita. È necessario che le loro voci siano ascoltate, le loro lacrime vissute; le donne che non riuscirono a sopravvivere – i fantasmi che infestano il XXI secolo – meritano una giustizia a lungo attesa.

Produzione/Distribuzione

PRODUZIONE 1: Gina Kim – Cyan Films
102 East Melnitz Hall, Box 951622
CA 90095-1622 - Los Angeles, Usa
Tel. +82 10-8206-3783
cyanfilms2013@gmail.com
http://www.ginakimfilms.com

PRODUZIONE 2: Zoe Sua Cho – Mass Ornament Films
Hannamdaero 27 gil, 26-20, 5F, Yongsan-gu
04399 – Seoul, Korea (Republic of)
Tel. +1 312 898 0364
Mob. +82 10 4730 1005
zoe@massornament.com
http://www.massornament.com

PRODUZIONE 3: Sam Jeon –Venta VR
1010, 10F, Nuridream square R D Tower, Worldcupbuk-ro 396
03925 – Seoul, Korea (Republic of)
Tel. +82 2 2132 5554
s3d@ventavr.com

UFFICIO STAMPA: Cyan Films
102 East Melnitz Hall, Box 951622
CA 90095-1622 - Los Angeles, Usa
Tel. +82 10-8206-3783
cyanfilms2013@gmail.com
http://www.ginakimfilms.com


Condividi su

Biennale Cinema
Biennale Cinema