fbpx Biennale Musica 2019 | Meitar Ensemble
La Biennale di Venezia

Your are here

Musica

Meitar Ensemble



Philippe Leroux (1959) Postlude à l’épais per violino, violoncello, flauto, clarinetto, pianoforte (2016, 10’) prima es. it. – commissione Meitar Ensemble
Noriko Baba (1972) Non Canonic Variations per violino, violoncello, clarinetto, flauto (2011, 10’) prima es. it.
Mauro Lanza (1975) The skin of the onion per violino, violoncello, flauto, clarinetto, pianoforte, percussioni (2002, 10’)
Amos Elkana (1967) Tripp per violino, violoncello, flauto, clarinetto, pianoforte (2016, 15’) prima es. it. – commissione Meitar Ensemble
Philippe Hurel (1955) “... à mesure...” per violino, violoncello, flauto, clarinetto, pianoforte, percussioni (1997, 15’)

direttore Pierre-André Valade

in collaborazione con Teatro Stabile del Veneto

Descrizione

L’israeliano Meitar Ensemble in 15 anni di vita ha commissionato ed eseguito oltre 200 nuovi brani. Nel concerto in programma alla Biennale offre novità per l’Italia con lavori di Philippe Leroux, Noriko Baba, Amos Elkana, Philippe Hurel, oltre a un brano di Mauro Lanza.

In Postlude à l’épais, Philippe Leroux esplora la nozione di spessore musicale in uno svolgimento temporale, l’impressione per cui uno specifico istante può avere un maggiore o minore spessore, mentre in No Canonic Variations Noriko Baba trae ispirazione dal corale di Bach Vom Himmel Hoch per trasformarlo attraverso continue modificazioni di colore e di atmosfera.
The Skin of the Onion mostra l’interazione della realtà intuitiva del suono con il suo processo di formalizzazione che tra definizione di modelli e imprevedibilità caratterizza la musica di Mauro Lanza.
Tripp si trova nel South Dakota: i numeri del codice di avviamento postale della città che dà il titolo al pezzo di Amos Elkana sono alla base di una costruzione improntata alla geometria frattale, dove l’insieme corrisponde alle singole parti.
In “...à mesure” di Philippe Hurel il ritmo assume una duplice risonanza: brevi pulsazioni con accelerazioni e rallentamenti si mescolano con polifonie ritmiche che poi si cristallizzano in loop.

Teatro Goldoni

San Marco, 4650/B
30124 Venezia
Tel. 041 8686130

Scopri la sede

Vedi su Google Maps

Condividi su

Biennale Musica
Biennale Musica