fbpx Biennale Musica 2020 | ensemble oktopus
La Biennale di Venezia

Your are here

Musica

ensemble oktopus


ensemble oktopus:flauto Alexandra Forstner; oboe Gülin Atakli; clarinetto Slavic Cernavca; fagotto Peder Jensen; corno Stefano Brusini; tromba Jonathan Romana; trombone Jakob Grimm; pianoforte Esperanza Martín Lopez; soprano Susanne Kapfer
Membri dell’Orchestra dello Stato Bavarese:arpa Melis Çom; percussioni 1 Claudio Estay; percussioni 2 Carlos Vera Larrucea; violino Felix Key Weber; violino Julia Pfister; viola Adrian Mustea; violoncello Benedikt don Stromeier; contrabbasso Blai Gumí
Solista del Klangforum Wien:fisarmonica Krassimir Sterev
Direttore:Konstantia Gourzi

Descrizione

Quasi tutte novità anche per il concerto dell’ensemble oktopus che la compositrice, direttrice d’orchestra e docente Konstantia Gourzi ha avviato nel 2003 alla Hochschule für Musich und Theater di Monaco, portando i suoi giovani interpreti a esibirsi alla Biennale di Monaco, alla Bayerischer Rundfunks e alla Bayersche Staatsoper.
Da When the wolf met Peter... alla novità Occulto vocale, la musica di Sofia Avramidou presenta una struttura lineare che è via via arricchita ed elaborata in un autentico paesaggio sonoro attraverso l’impiego di moduli ripetitivi e ricorsivi. La rievocazione del genere romantico della ballata strumentale è particolarmente congeniale a Francesco Filidei, che lo reinterpreta nel senso di un “processo costruttivo globale”: la Ballata n.7 conserva un aspetto dinamico vicino a quello delle ballate di Liszt. In marcia seguendo le nuvole di Marcello Filotei trae avvio dall’idea che gli uomini camminano tutti nella stessa direzione, verso un obiettivo che forse non esiste, incontrandosi ogni tanto come fanno gli strumenti a metà del pezzo. Konstantia Gourzi in Rezitativ Antigone rappresenta il dramma di un conflitto interiore in un tono emotivamente sovraccarico mentre in Wunde | Wunder, che si ispira alla pittura di Michelangelo, Caravaggio e John William Waterhouse, delinea una drammaturgia per frammenti, che assumono il senso di successivi stadi in un percorso di presa di coscienza sonora.


Condividi su

Biennale Musica
Biennale Musica