fbpx Biennale Musica 2020 | Luigi Nono
La Biennale di Venezia

Your are here

Musica

Luigi Nono


Tuba:Arcangelo Fiorello
Violino:Francesco D’Orazio
Pianoforte:Francesco Prode
Elettronica:Alvise Vidolin

Descrizione

Scaturisce dall’amicizia con Maurizio Pollini ...sofferte onde serene..., dove i rintocchi delle campane di Venezia sono la suggestione per l’integrazione di due piani acustici, costituiti dalla gestualità esecutiva sul pianoforte e dalla sua ricomposizione su nastro magnetico, alla ricerca delle più segrete risonanze di un mondo interiore. In Post-prae-ludium per Donau “il decorso compositivo è fissato nei suoi dettagli, mentre la notazione è pensata come traccia per l’esecutore [...] il suonatore di tuba deve ascoltare tutti i processi di espansione del suono per reagire a essi e prendervi parte. Dall’effetto congiunto di notazione data, nuova tecnica esecutiva e live-electronics nasce così un’interpretazione vivente”. La lontananza nostalgica utopica futura trae origine dall’incontro con Gidon Kremer: il pezzo assume la forma di volta in volta disegnata dal percorso dell’interprete che si sposta liberamente tra otto o dieci leggii in una sorta di vagare creativo, e l’evento performativo è il centro intorno al quale si dispongono l’atto compositivo, l’azione dell’interprete e la presenza del pubblico.


Condividi su

Biennale Musica
Biennale Musica