fbpx Biennale Teatro 2021 | Proton Theatre / Kornél Mundruczó - Hard To Be a God
La Biennale di Venezia

Your are here

Teatro

Proton Theatre / Kornél Mundruczó - Hard To Be a God


Anno / durata:2010, 110’
Con:Annamária Láng, Kata Wéber, Diána Magdolna Kiss, Marina Gera, Roland Rába, Gergely Bánki, László Katona, János Derzsi, János Szemenyei, Zsolt Nagy
Regista:Kornél Mundruczó
Scritto da:Kornél Mundruczó, Yvette Bíró
Dramaturg:Viktória Petrányi, Éva Zabezsinszkij
Musica:János Szemenyei
Assistente regista:Dóra Büki
Scena, costumi:Márton Ágh
Luci:András Éltető
Supervisore alla produzione:Judit Sós
Direttore di produzione:Dóra Büki
Assistente di produzione:Péter Réti
Direttore tecnico:András Éltető
Tecnico luci:András Éltető
Tecnici del suono:Zoltán Belényesi, János Rembeczki
Attrezzista:Gergely Nagy
Aiuto costumista:Jánosné Cselik
Co-produzione:Alkantara Festival, Lisbona, Portogallo; Baltoscandal, Rakvere, Estonia; Culturgest, Lisbona, Portogallo; KunstenFestivalDesArts, Bruxelles, Belgio; Rotterdamse Schouwburg, Paesi Bassi; Theater der Welt 2010, Essen, Germania; Théâtre National di Bordeaux in Aquitania, Francia; Trafó House of Contemporary Arts, Budapest, Ungheria
Sostenitori:NXTSTP
Con il sostegno di:Cultural Program European Union, EkyLight, Open Society Institute, PropClub, VisionTeam

Descrizione

Due camion sono fermi in attesa sul ciglio della strada. Si scambia della merce: tre giovani donne. In caso di successo, questo piano ambizioso cambierebbe tutto in un batter d’occhio. La chiave per svelare il piano è da ricercare nel ragazzino nascosto al mondo. Non c’è spazio per gli errori. All’interno del camion valgono regole diverse e chi non le rispetta non potrà mai più fare ritorno a casa. A bordo, fra gli altri, c’è uno straniero che potrebbe interferire, ma non lo fa, esegue gli ordini, lui. La sua presenza è simile a quella di un dio, osserva in silenzio la sua creazione da lontano. Per un po’. Ma per quanto si può restare semplici osservatori?


Condividi su

Biennale Teatro
Biennale Teatro