fbpx Biennale Cinema 2018 | Adieu Philippine (Desideri nel sole)
La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

Adieu Philippine (Desideri nel sole)

Venezia Classici

Regia:
Jacques Rozier
Produzione:
Rome Paris Films, Euro International Film, Alpha Productions, Unitec
Durata:
111’
Lingua:
francese
Paesi:
Francia, Italia
Anno:
1962
Interpreti:
Jean-Claude Aimini, Yveline Céry, Stefania Sabatini, Vittorio Caprioli, Daniel Descamps, André Tarroux, Marco Perrin, Arlette Gilbert, Maurice Garrel, Pierre Frag
Sceneggiatura:
Jacques Rozier, Michèle O’Glor
Fotografia:
René Mathelin
Montaggio:
Monique Bonnot, Claude Durand, Marc Pavaux
Musica:
Jacques Denjean, Paul Mattei, Maxim Saury
Suono:
Maurice Laroche
Restauro:
La Cinémathèque française, A17

Sinossi

Francia, 1960. A Michel, giovane tecnico che lavora su un set televisivo, rimangono due mesi prima di partire per il servizio militare in Algeria, dove si combatte la guerra di indipendenza. Nel frattempo, fa colpo su due ragazze, Liliane e Juliette, amiche inseparabili. Esce con una, poi con l’altra, e insieme vagano noncuranti tra i caffè e i club di Parigi. Quando Michel lascia bruscamente il lavoro e decide di andare in vacanza in Corsica al Club Méditerrannée, Liliane e Juliette lo raggiungono. Tra loro si crea un gioco di seduzione, complicità e rivalità.
Adieu Philippine è il primo lungometraggio di Jacques Rozier. Definito un capolavoro della Nouvelle Vague, di cui il regista è uno dei precursori, fu presentato alla Settimana della Critica del Festival di Cannes del 1962, e raccolse molti consensi. La commedia drammatica riesce a mettere in risalto l’argomento tabù che fa da sfondo alla vicenda: la Guerra d’Algeria. I tre interpreti principali, tutti non professionisti, donano inoltre al film una freschezza e un tono originale, che ritroveremo nei successivi lungometraggi del regista.

Commento del regista

Concepito nel 1959, Adieu Philippine è stato il film della partenza per l’Algeria: è la storia di un ragazzo francese che, come tanti altri giovani francesi di vent’anni, fu obbligato a partire per il servizio militare in Algeria. Fu la fine della giovinezza, furono le ultime vacanze: la nave su cui si imbarca dopo aver ricevuto la chiamata definitiva rappresenta già la guerra che incombe. Il pubblico vedrà la storia di un ragazzo e di due ragazze, perché ho creato una specie di “marivaudage”, ma il vero argomento è la partenza e la rottura.

«Les Lettres françaises», 24 maggio 1962.

Produzione/Distribuzione

PRODUZIONE: A17
31 rue Brézin
75014, Paris – France
Tel. +33 (0)6 82831642
jacques-rozier@laposte.net
http://www.exterieurnuit.fr/accueil.html

PRODUZIONE ALL’EPOCA DELLA REALIZZAZIONE: Rome-Paris Films

COPRODUZIONI ALL’EPOCA DELLA REALIZZAZIONE: Unitec, Euro International, Films Alpha Productions

RESTAURO A CURA DI: Cinémathèque française and A17 with the support of Centre national du cinéma et de l’image animée. In collaboration with Les Archives audiovisuelles de Monaco, La Cinémathèque suisse and Extérieur Nuit

UFFICIO STAMPA: Elodie Dufour - La Cinémathèque française
51 rue de Bercy
75012, Paris – France
Tel. +33 (0)1 71193365
e.dufour@cinematheque.fr

 


Condividi su

Biennale Cinema
Biennale Cinema