fbpx Biennale Cinema 2020 | Guerra e pace
La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

Guerra e pace

Orizzonti

Regia:
Martina Parenti, Massimo D’Anolfi
Produzione:
Montmorency Film (Martina Parenti, Massimo D’Anolfi), Rai Cinema, Lomotion (David Fonjallaz, Louis Mataré)
Durata:
128’
Lingua:
Italiano, francese, inglese
Paesi:
Italia, Svizzera
Interpreti:
Felix Rohner, Sabina Schärer
Fotografia:
Massimo D’Anolfi
Montaggio:
Massimo D’Anolfi, Martina Parenti
Musica:
Massimo Mariani
Suono:
Martina Parenti

sinossi

Guerra e pace racconta l’ultracentenaria relazione tra cinema e guerra, dal loro primo incontro, nel lontano 1911, in occasione dell’invasione italiana in Libia, fino ai giorni nostri. Dalle sequenze filmate dai pionieri del cinema alle odierne riprese girate con gli smartphone dai cittadini del mondo, il passo appare brevissimo e la relazione tra cinema e guerra solidissima. Guerra e pace è una riflessione sulle immagini e, come in un grande romanzo scandito in quattro capitoli – passato remoto, passato prossimo, presente e futuro –, prova a ricomporre i frammenti della memoria visiva dai primi del Novecento a oggi e mette in scena la moltiplicazione delle visioni che, come un costante rumore di fondo, accompagnano le nostre attuali esistenze. Quattro importanti istituzioni europee ospitano la narrazione del nostro film e ne costituiscono la solida impalcatura spazio-temporale. Impalcatura in cui la pace e la guerra sembrano convivere e tenersi a bada a vicenda. Guerra e pace si interroga sulle conseguenze della guerra, sul senso della storia e della conservazione della memoria a beneficio delle future generazioni.

commento dei registi

La prima intuizione di Guerra e pace è nata un giorno di fronte un’ambasciata italiana in una capitale straniera. Ci siamo domandati che funzione e che valore potessero avere ancora questi palazzi privilegiati e, più genericamente, quale fosse il senso dell’attività diplomatica in un mondo in cui la comunicazione e le notizie viaggiano a una velocità fuori da ogni controllo. Crediamo che oggi più che mai sia necessario ripensare agli strumenti che prevengono, limitano, contengono i conflitti in favore del dialogo tra uomini e istituzioni. Il cinema, fin dalle sue origini, ci mostra di aver avuto un legame fortissimo con la guerra più che con la pace, sia per lo spirito che ha attraversato la prima metà del secolo scorso, sia per l’intrinseca necessità di documentare gli eventi storici, sia per la reale difficoltà di filmare un processo di pace. Abbiamo dunque deciso di riflettere sulle immagini del passato e del presente non solo come strumento di guerra, ma anche come possibile strumento di pace.

PRODUZIONE/DISTRIBUZIONE

PRODUZIONE 1: Martina Parenti, Massimo D’Anolfi - Montmorency film
via burigozzo 8
20122 – Milano, Italy
Mob. (Martina Parenti) +39 3358436922
Mob. (Massimo D’Anolfi) + 39 3385786789
montmorencyfilm@yahoo.it

PRODUZIONE 2: Rai Cinema
Piazza Adriana 12
00193 – Roma, Italy
Tel. +39 0633179601
Bianca.giordano@raicinema.it

PRODUZIONE 3: David Fonjallaz, Louis Mataré– Lomotion
Weyermannstrasse 28
3008 – Berna, Switzerland
Tel. +41 31 388 00 66
Mob. David Fonjallaz +41 764140086
Mob. Louis Mataré +41 765680086
david@lomotion.ch
louis@lomotion.ch

DISTRIBUZIONE INTERNAZIONALE: Irena Taskovski - Taskovski Films
1° Floor, Healthaid House
Marlborough Hill
Harrow,HA1 1UD – London, United Kingdoma
Tel. +44 7562977143
Irena@taskovskifilms.com

DISTRIBUZIONE ITALIANA: Federica Di Biagio - Istituto Luce Cinecittà
Massimo D'Anolfi e Martina Parenti - Montmorency Film
Via Tuscolana 1055
00173 - Roma, Italy
Tel. +39 0672286279
Mob. +39 366 6819019
f.dibiagio@cinecittàluce.it
www.cinecittàluce.it

UFFICIO STAMPA ITALIA: Lucrezia Viti, Livia delle Fratte
Italy
Tel. +39 348 2565827 (Lucrezia)
Tel. +39 349 2233828 (Livia)
lucreziaviti@presspress.it

UFFICIO STAMPA INTERNAZIONALE: Marina Dìaz Cabrera
festivals@taskovskifilms.com


Condividi su

Biennale Cinema
Biennale Cinema