fbpx Biennale Architettura 2021 | Peju Alatise
La Biennale di Venezia

Your are here

Peju Alatise

Alasiri: Doors for Concealment or Revelation


  • MAR - DOM
    22/05 > 31/07
    11.00 - 19.00

    01/08 > 21/11
    10.00 - 18.00
  • Arsenale
  • Ingresso con biglietto

Peju Alatise (Nigeria, 1975) di Art Accent Studio (Nigeria, 2006) in collaborazione con Adeyemo Shokunbi (Nigeria, 1966), Fidelis Odogwu (Nigeria, 1970), e Yinka Akingbade (Nigeria, 1980)

SITO UFFICIALE

Descrizione

Gli Yoruba hanno un detto: “Eniyan ni ilekun; ti oba gba e laye ki owole, odi alasiri “(una persona è come una porta: aprirla è diventare parte del suo segreto). La domanda Come vivremo insieme? implica un noi su cui vale la pena riflettere. Quali sono gli elementi umani che occorre considerare per riuscire a vivere insieme? Questa domanda diventa particolarmente importante in un mondo in cui la crescita incontrollata della popolazione, insieme alla distruzione ambientale e al consumismo capitalista, finiranno per scontrarsi con l’ineluttabile realtà di avere una disponibilità limitata di spazio e risorse. Ciò che è certo è che bisogna superare la paura di chi è diverso da noi per cultura, credo e colore. Alasiri è un’installazione scultorea di porte e figure che consente alla nostra vulnerabilità e a coloro che stanno dietro le porte di attraversare la soglia, offrendo ai visitatori una strada per esplorare la reciproca comprensione o incomprensione. Alasiri è il custode dei segreti che si possono sperimentare contemporaneamente nelle vesti di outsider e insider.

Biennale Sneak Peek

Image 1 – How will we live together?
The image is a sneak peek of Alasiri (keeper of secrets), an installation comprising 40 doors and 13 life-size figurative sculptures.

The Yoruba have a saying: “Oni yara rebete gba ogun omo okurin ti wan ba fera denu”(The tiniest room can accommodate 20 men if they have a deep understanding of one another). The Yoruba also believe a person is like a door: to open it is to become part of its secret (“Eniyan ni ilekun; ti oba gba e laye ki owole, odi alasiri”).

This installation offers the viewer the opportunity to be an outsider looking in where doors represent human barriers. The silhouettes of people within the doors portray the vulnerabilities of human existence. Some of the doors may be closed; others can be opened. The silhouettes reveal cultural identities representative of men, women and children.

Photo: Adeyinka Akingbade

 

Image 2 – Sneak peek of the project
The image is a work-in-progress shot of Alasiri (keeper of secrets) in a section of Peju Alatise’s purpose-built art studio in Lagos, Nigeria. Some of the media/materials used in the creation of the installation include: mild steel, resin, fiberglass and textile. The dimensions of the doors are 850 mm by 2100 mm while the life-size figurative sculptures vary in heights from 1400 mm to 2400 mm.

Photo: Adeyinka Akingbade

Crediti

Art Accent Studio, Lagos
Patrickwaheed Design Consultancy
Art Pantheon Limited Rele Art
Foundation Vernacular Art-space Laboratory
Goethe-Institut, Nigeria

Crediti di produzione

Art accent studio artists: Segun Obadiya, Rilwan Yusuf, Alli Raheem Owolabi, Chinonso Amarikwa
Ade Shokunbi, PWDC studio; Denrele Sonariwo- Rele Gallery; Fidelis Odogwu e the universal studios Igomu team; Yinka Akingbade e GNO studio teamNana Sonoiki- Artpatheon; Remi Adegbite; Abu Momogima


Condividi su

Biennale Architettura
Biennale Architettura