fbpx Biennale Cinema 2019 | VR free
La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

VR free

Venice Virtual Reality

Regia:
Milad Tangshir
Produzione:
Associazione Museo Nazionale del Cinema (Valentina Noya)
Durata:
10’
Paesi:
Italia
Interpreti:
Michele Romano, Albert Asllanaj, Cristian De Bonis, Ogert Rakipais, Michele Bono
Fotografia:
Stefano Sburlati
Suono:
Vito Martinelli

Sinossi

VR Free analizza la natura degli spazi di reclusione, riprendendo frammenti di vita all’interno della prigione di Torino. Nel film si vedono anche le reazioni di alcuni detenuti che guardano video immersivi sulla vita fuori della prigione. Con l’aiuto dei caschi VR, i detenuti riescono a partecipare virtualmente ad alcune situazioni collettive e intime che non sono più alla loro portata.

Commento del regista

Penso che la realtà virtuale sia uno strumento molto potente quando tratta il concetto di spazio. Abbiamo cercato di usarne il potenziale in modo espressivo, portando questo nuovo mezzo in un mondo che di per sé contiene spazi duri e aggressivi. VR Free è un tentativo di mostrare al pubblico il mondo nascosto del carcere, è una richiesta di partecipazione all’urgente discussione sugli spazi detentivi.

Produzione/Distribuzione

PRODUZIONE: Valentina Noya - Associazione Museo Nazionale del Cinema
via Montebello, 22
10124 – Torino, Italia
Tel. 3395675026
vale.noya@yahoo.it
https://www.facebook.com/AssociazioneMuseodelCinema/
http://amnc.it

UFFICIO STAMPA: Valentina Noya - Associazione Museo Nazionale del Cinema
via Montebello, 22
10124 – Torino, Italia
Tel. 3395675026
vale.noya@yahoo.it


Condividi su

Biennale Cinema
Biennale Cinema