fbpx Biennale Cinema 2021 | Republic of Silence
La Biennale di Venezia

Your are here

Cinema

Republic of Silence

Fuori Concorso

Regia:
Diana El Jeiroudi
Produzione:
No Nation Films (Orwa Nyrabia, Diana El Jeiroudi), Les films d’ici
Durata:
183’
Lingua:
Arabo, Inglese, Tedesco, Kurdo
Paesi:
Germania, Francia, Siria, Qatar
Interpreti:
Rami Aboujamra, Orwa Nyrabia, Guevara Namer
Sceneggiatura:
Diana El Jeiroudi
Fotografia:
Sebastian Baeumler, Diana El Jeiroudi, Orwa Nyrabia, Guevara Namer
Montaggio:
Katja Dringenberg, Diana El Jeiroudi
Suono:
Raphael Girardot, Nathalie Vidal

Sinossi

Sono cresciuti nelle terre della dittatura e della sorveglianza, in cui le immagini sono censurate, le foto vengono bruciate, i pensieri sono cauti e le bocche tacciono. Nel corso degli anni hanno fatto film, documentato la vita, la loro vita, almeno per quanto possibile. La notte hanno furtivamente catturato suoni per consentire ai sensi di completare l’immagine. Quelli che apparentemente sembrano essere racconti e immagini disorganici, fanno in realtà emergere una coerente sensibilità emotiva, dalla quale si sviluppa una singolare prospettiva storica insieme al tentativo di dire quanto è rimasto taciuto e immerso nel silenzio. Un racconto in prima persona che oscilla tra una prospettiva senza tempo, personale e intima, e una all’esatto opposto: vasta, contemporanea e politica. È il viaggio di una regista e della sua compagna, dei suoi amici e delle loro famiglie, a volte come rivoluzionari in patria, a volte come esuli nell’Europa odierna, a volte come attivisti, registi, amanti e persone in ascolto. Un viaggio contemplativo che passa dal silenzio alla voce, dalla cecità alla vista e che parla del modo in cui il cinema ha reso tutto questo possibile e ha salvato le loro vite.

Commento della regista

Non sono muta ma silenziosa. Non posso vedere, eppure non sono cieca. Cosa fanno i sopravvissuti? Rimangono zitti oppure raccontano tutta la storia. Come è possibile raccontare una storia per intero se la propria memoria è intessuta solo di frammenti e talvolta non è nemmeno documentata. Come può il mio silenzioso universo interiore riflettere quel mondo non detto o ricordare un’era di rivoluzione, guerra, immigrazione e politica internazionale? Come è possibile negoziare in un mondo incurante delle negoziazioni? Come regista, le parole, i suoni e le immagini sono elementi delicati che creo, intesso e con i quali interagisco. Ma come posso creare una storia lineare e semplice quando il lusso della semplicità non mi è concesso? Così, eccomi qui. Io sono la storia e allo stesso tempo la voce narrante. Questo è ciò che resta di me e della storia, del mio essere stata testimone e del mio coinvolgimento, di come il cinema ha salvato la nostra integrità mentale e probabilmente le nostre vite.

Produzione/Distribuzione

PRODUZIONE 1: Orwa Nyrabia, Diana El Jeiroudi – No Nation Films GmbH
Friesickestr. 17
13086 – Berlin, Germany
Mob. +49 15901050030
info@no-nation.de
http://www.no-nation.de

PRODUZIONE 2: Camille Laemlé – Les Films d’Ici
62, boulevard Davot
75020 – Paris, France
Tel. +33 1 44 52 23 23
Mob. +33 603708169
camille.laemle@lesfilmsdici.fr
http://www.lesfilmsdici.fr/

UFFICIO STAMPA: Claudia Tomassini, Pierpaolo Festa - Claudia Tomassini & Associates
Tel. +491732055794
claudia@claudiatomassini.com
pierpaolo@claudiatomassini.com

UFFICIO STAMPA US: Will Frank – Cinetic Media
will@cineticmedia.com


Condividi su

Biennale Cinema
Biennale Cinema