fbpx Biennale Teatro 2022 | Peeping Tom - Triptych
La Biennale di Venezia

Your are here

Teatro

Peeping Tom - Triptych


Durata / Anno:125', 2020
Ideazione e regia:Gabriela Carrizo e Franck Chartier
Interpretazione:Fons Dhossche, Lauren Langlois, Panos Malactos, Alejandro Moya, Fanny Sage, Eliana Stragapede, Roger Van der Poel, Wan-Lun Yu
Assistente alla creazione:Thomas Michaux
Progetto sonoro e arrangiamenti:Raphaëlle Latini, Ismaël Colombani, Annalena Fröhlich, Louis-Clément Da Costa, Eurudike De Beul
Disegno luci:Tom Visser
Scene:Gabriela Carrizo, Justine Bougerol
Costumi:Seoljin Kim, Yichun Liu, Louis-Clément Da Costa
Sarte:Sara Van Meer, Lulu Tikovsky, Wu Bingyan (Stagista)
Coordinamento tecnico:Giuliana Rienzi
Tecnici:Bram Geldhof, Ilias Johri (Luci), Tim Thielemans/Jonas Castelijns (Suono)
Direzione di scena:Thomas Dobruszkes (Direttore di scena), Clement Michaux, Kato Stevens (Macchinisti)
Produzione:Opéra National de Paris, Opéra de Lille, Tanz Köln, Göteborg Dance and Theatre Festival, Théâtre National Wallonie-Bruxelles, deSingel Antwerp, GREC Festival de Barcelona, Festival Aperto/Fondazione I Teatri, Torinodanza Festival/Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale, Dampfzentrale Bern, Oriente Occidente Dance Festival
Stagisti produzione:Lisa Gunstone Robin Appels Tour Manager Amaury Vanderborght Production Manager Helena Casas
Comunicazione:Sébastien Parizel
Manager compagnia:Veerle Mans
Tratto da:Adrift
Creato con i danzatori del:NDT I: Chloe Albaret, Lydia Bustinduy, César Faria Fernandes, Fernando Hernando Magadan/Spencer Dickhaus, Anna Hermann, Anne Jung, Marne Van Opstal, Roger van der Poel, Meng-ke Wu, Ema Yuasa/Rena Narumi,
Con assistenza artistica di:Louis-Clément Da Costa, Seoljin Kim e / and Yi-Chun Liu
Prodotto da:Peeping Tom
Coproduzione:Opéra National de Paris, Opéra de Lille, Tanz Köln, Göteborg Dance and Theatre Festival, Théâtre National Wallonie-Bruxelles, deSingel Antwerp, GREC Festival de Barcelona, Festival Aperto / Fondazione I Teatri (Reggio Emilia), Torinodanza Festival / Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale (Torino / Turin), Dampfzentrale Bern, Oriente Occidente Dance Festival (Rovereto)
Con il supporto delle:autorità fiamminghe
Distribuzione:Frans Brood Productions
Nota:TRIPTYCH: The missing door, The lost room and The hidden floor è stato realizzato con il supporto del programma di protezione fiscale del Governo federale belga
Nota:Spettacolo con scene di nudo. Età consigliata: a partire dai 12 anni. È previsto l’utilizzo di luci stroboscopiche durante lo spettacolo

Descrizione

Quando si accende la luce sul palco, il pubblico è immerso nella mente di un uomo: la sua vita gli passa davanti come un film, o forse è il film di vite diverse dalla sua, alcune passate, altre ancora da venire.
Così, nelle cabine e nei corridoi di un transatlantico, inizia il viaggio labirintico che è Triptych. In questa trilogia, il tempo, la memoria e la premonizione ruotano intorno alle illusioni, alle utopie e agli amori perduti di personaggi divenuti ciechi, che recitano la loro stessa finzione. Forze incontrollabili li mandano alla deriva in ogni fase della loro ricerca.
In Triptych, i personaggi, persi nel tempo e nello spazio, si allontanano e si cercano a vicenda, continuamente. Quando si sono imbarcati in questo viaggio alla ricerca di un ideale erano pieni di speranza, ma la realtà li ha portati verso un destino incerto. Cercano di trovare una strada attraverso le peregrinazioni dei loro pensieri, mentre rianimano e rivivono i loro ricordi o ne creano nuove versioni, aperte alle distorsioni. Triptych rivela così una malinconica nostalgia del futuro.


Condividi su

Biennale Teatro
Biennale Teatro