fbpx Biennale Architettura 2021 | ecoLogicStudio
La Biennale di Venezia

Your are here

ecoLogicStudio

BIT.BIO.BOT. A Collective Experiment in Biotechnological Architecture


  • MAR - DOM
    22/05 > 31/07
    11.00 - 19.00

    01/08 > 21/11
    10.00 - 18.00
  • Arsenale
  • Ingresso con biglietto

Claudia Pasquero (Italia, 1974) e Marco Poletto (Italia, 1975) di ecoLogicStudio (Regno Unito, 2005), con il Synthetic Landscape Lab di Innsbruck University (Austria, 2017) e di Urban Morphogenesis Lab, Bartlett UCL (Regno Unito, 2012)

SITO UFFICIALE

Descrizione

BIT.BIO.BOT. è un esperimento in scala 1:1 sulla coltivazione del microbioma urbano. L’opera è progettata per testare un modello di coesistenza permanente tra organismi umani e non umani nella urbanosfera post-pandemica. L’architettura biotecnologica dell’installazione funge da mezzo per affrontare diverse vulnerabilità urbane. Il suo meccanismo biologico fondamentale è la fotosintesi, alimentata dall’energia del sole e dal metabolismo delle colture viventi di Spirulina platensis. La spirulina, uno degli organismi più antichi della Terra, è un cianobatterio commestibile in grado di rimetabolizzare gli inquinanti nell’aria trasformandoli in uno degli alimenti più nutrienti al mondo.

Biennale Sneak Peek

Image 1 – How will we live together?
PhotoSynthEtica photobioreactors in time of COVID19. How we are living together during lockdown with our microalgae cultures.
Photo: NAARO

 

Image 2 – Sneak peek of the project
HORTUS XL Asthaxantin.g. Detail of 3D printed photobioreactor for microalgae cultivation on jellified medium.
Photo: NAARO

CON IL SUPPORTO AGGIUNTIVO DI

Innsbruck University
Swarovski
Ecoduna
Destination Wattens
Anonymous

Crediti di produzione

Progetto: ecoLogicStudio (Claudia Pasquero, Marco Poletto) con Synthetic Landscape Lab at Innsbruck University, Urban Morphogenesis Lab al The Bartlett UCL
Design Team: Claudia Pasquero, Marco Poletto with Eirini Tsomokou, Claudia Handler, Oscar Villarreal, Korbinian Enzinger, Terezia Greskova
Partner per la stampa 3D in vetro e il trasferimento del progetto: Swaroski, Destination Wattens
Ingegneria strutturale: YIP engineering
Prototipazion strutturale: GV Filtri
Terreno biologico: Ecoduna


Condividi su

Biennale Architettura
Biennale Architettura