fbpx Biennale Arte 2022 | Sister Gertrude Morgan
La Biennale di Venezia

Your are here

Sister Gertrude Morgan

1900 – 1980, USA


  • MAR - DOM
    23/04 > 25/09
    11.00 - 19.00

    27/09 > 27/11
    10.00 - 18.00
  • Padiglione Centrale
  • Ingresso con biglietto

Nel 1934, dopo una serie di rivelazioni divine, Sister Gertrude Morgan – artista autodidatta, devota battista del Sud, predicatrice di strada, musicista e poetessa – lascia il marito “terreno” in Georgia e si stabilisce a New Orleans, dove canta e predica il Vangelo accompagnata da chitarra e tamburello. All’inizio degli anni Quaranta, dopo avere aggiunto “Sister” al proprio nome, inizia a predicare in una missione da lei avviata, dove dipinge e compone poesie fino al 1980, anno della sua morte. In risposta a una chiamata divina a usare l’arte come strumento di predicazione, Morgan sostiene di aver ricevuto l’ordine di diventare la sposa di Cristo, e inizia dunque a indossare un’uniforme bianca da infermiera in previsione del matrimonio divino, come mostra il dipinto untitled (SABBATH DAY Poem) (n.d.). Questa sua particolare mitologia personale si manifesta in originalissime ed esuberanti rappresentazioni colorate e giocose del quotidiano e del sacro, che Morgan veicola su qualsiasi superficie le capiti sottomano, come pezzi di cartone, tapparelle, ventagli, vassoi di polistirolo, e la custodia della sua chitarra. Molti dei suoi dipinti, come ad esempio untitled (Revelation 7 Chap.) (1970 ca.), sono dirette interpretazioni della Bibbia; altri, come Revelation I JOHN (1970 ca.), combinano masse disordinate di figure, scarabocchiate citazioni scritturali e autoritratti nella sua uniforme bianca mentre abbraccia o tiene per mano Gesù, come in untitled (New Jerusalem) (1960 / 1970 ca.) 

Madeline Weisburg

Padiglione Centrale
Vedi su Google Maps

Condividi su

Share on FacebookShare on TwitterShare on LinkedINSend via WhatsApp
Biennale Arte
Biennale Arte