fbpx Biennale Arte 2022 | Eventi Collaterali
La Biennale di Venezia

Your are here

Biennale Arte 2022

Eventi Collaterali

59. Esposizione Internazionale d’Arte

   

Alberta Whittle: deep dive (pause) uncoiling memory
Istituzione organizzatrice: Scotland + Venice Deep
dive (pause) uncoiling memory è un’installazione che presenta il nuovo lavoro della pluripremiata artista Alberta Whittle. L’ambiente realizzato da Whittle, attraversa due sale di un ex cantiere navale e comprende una serie di opere in forma di arazzo, film e scultura legate da un vocabolario condiviso di motivi e idee. Alberta fa ricorso alla sua ricca simbologia per invitarci a rallentare, in modo da poter considerare collettivamente eredità storiche ed espressioni contemporanee di razzismo, colonialismo e migrazione e iniziare così a pensare al di fuori di questi ambiti dannosi.
Docks Cantieri Cucchini, S. Pietro di Castello 40
23 aprile – 27 novembre 2022
Orario: 10.00 – 18.00, chiuso il lunedì
Email per informazioni generali: info@scotlandandvenice.com
https://scotlandandvenice.com

 

Angela Su: Arise, Hong Kong in Venice
Istituzioni organizzatrici: M+, West Kowloon Cultural District Authority and Hong Kong Arts Development Council
In Arise, Angela Su propone una narrazione speculativa intrecciando prospettive immaginarie. L’atto della levitazione funge da metafora organizzativa e riappare in tutte le sue opere. L’artista veste i panni di un alter-ego fittizio per esplorare le valenze culturali e politiche dell’alzarsi in volo. Il fulcro dell’esposizione è il nuovo video The Magnificent Levitation Act of Lauren O. Questo pseudo documentario racconta la storia di Lauren O, un personaggio immaginario che crede di poter levitare, e il suo coinvolgimento con Laden Raven, un gruppo di attivisti del movimento americano contro la guerra degli anni Sessanta. Il video include found footage ed estratti di una performance dell’artista. Intrecciando realtà e finzione, l’opera suggerisce uno spazio alternativo di azione e disturbo. Tracce di Lauren O e di Laden Raven sono integrate nella costellazione delle opere esposte, e invitano il pubblico a compiere un viaggio nel mondo immaginario di Su.
Arsenale, Castello 2126, Campo della Tana 23 aprile – 27 novembre 2022
Orario: dal 23 aprile al 25 settembre, 11.00 – 19.00; dal 27 settembre al 27 novembre, 10.00 – 18.00; chiuso il lunedì (tranne il 25 aprile, 30 maggio, 27 giugno, 25 luglio, 15 agosto, 5 e 19 settembre, 31 ottobre, 21 novembre)
Email per informazioni generali: m+@mplus.org.hk; hkadc@hkadc.org.hk
www.westkowloon.hk/en/mplus
www.hkadc.org.hk
http://2022.vbexhibitions.hk

 

Angels Listening
Istituzione organizzatrice: Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena
Sette angeli di grandi dimensioni, fusi in bronzo, con la bocca chiusa da un nastro adesivo, circondano un confessionale dorato, nell’installazione immersiva di Rachel Lee Hovnanian, Angels Listening. L’installazione interattiva invita i visitatori a scrivere su un pezzo di nastro i loro pensieri più intimi, repressi dalla paura del giudizio. Una volta lasciata sul posto, la voce dello spettatore si unisce al coro delle confessioni offerte dai visitatori, palesando la sensazione di liberazione associata alla catarsi. Rachel Lee Hovnanian è un’artista che opera a Miami, la cui pratica multidisciplinare esplora la complessità del femminismo contemporaneo e gli effetti psicologici della tecnologia.
Loggia del Temanza, Dorsoduro 1602
23 aprile – 27 novembre 2022
Orario: 10.00 – 18.00, chiuso il lunedì
Email per informazioni generali: segreteria@centrostudiarmeni.it
http://www.angelslistening.net/

 

Bosco Sodi a Palazzo Vendramin Grimani. What Goes Around Comes Around
Istituzione organizzatrice: Fondazione dell’Albero d’Oro
Bosco Sodi, noto per il suo uso di materiali naturali grezzi impiegati in sculture e dipinti di grandi dimensioni, è stato scelto dalla Fondazione dell’Albero d’Oro per una residenza d’artista a Palazzo Vendramin Grimani. La semplicità essenziale della materia e i pigmenti intensi, ricercati da Sodi in tutto il mondo, sono alla base del suo iter creativo, descritto dall’artista come un “caos controllato” che produce “qualcosa di completamente irripetibile”. Le opere saranno realizzate da Bosco Sodi nell’androne del Palazzo, affacciato sul Canal Grande, e costituiranno il nucleo centrale della mostra, curata da Daniela Ferretti e Dakin Hart.
Palazzo Vendramin Grimani, San Polo 2033
23 aprile – 27 novembre 2022
Orario: 10.00 – 18.00, chiuso il martedì e mercoledì
Email per informazioni generali: info@fondazionealberodoro.org
https://www.fondazionealberodoro.org

 

Catalonia in Venice_Llim
Istituzione organizzatrice: Institut Ramon Llull
Llim (limo) si lega con discrezione ai canali e alle canne da soffio, li mette in relazione e assimila progressivamente gli strati che compongono Venezia. Il fatto che una città sull’acqua sia diventata il centro occidentale della lavorazione del vetro si deve interamente alla viscosità: la proprietà del vetro e dell’acqua di passare da uno stato all’altro della materia favorisce la collaborazione e la coesistenza dei due elementi. L’acqua ha un potere generatore perché può diventare limo in contatto con la terra. Dal nero fango del Nilo deriva il termine arabo khemia, alchimia, che ha trovato nel vetro una fonte di ispirazione. Llim non vuole arrivare all’oro o alla quintessenza: Llim smuove il fondale di Venezia con la stessa calma con cui metabolizza e restituisce la materia al suo luogo di origine.
Docks Cantieri Cucchini, Castello 40, Ramo del Zoccolo
23 aprile – 27 novembre 2022
Orario: dal 23 aprile al 25 settembre, 11.00 – 19.00; dal 27 settembre al 27 novembre, 10.00 – 18.00; fino alle 20.00 il venerdì e sabato, fino al 25 settembre. Chiuso il lunedì (tranne il 25 aprile, 30 maggio, 27 giugno, 25 luglio, 15 agosto, 5 e 19 settembre, 31 ottobre, 21 novembre)
Email per informazioni generali: biennal@llull.cat
www.llull.cat
www.llim.llull.cat

 

CHUN KWANG YOUNG: Times Reimagined
Istituzione organizzatrice: Boghossian Foundation
Times Reimagined è un laboratorio estetico di Chun Kwang Young, artista che da circa trent’anni lavora sui temi dell’interconnessione tra esseri viventi e dei valori socio-ecologici delle loro relazioni. All’interno della mostra vengono presentati rilievi, sculture, installazioni in carta hanji (carta di gelso coreano) e, come punto focale, la struttura architettonica site-specific creata in dialogo con l’architetto Stefano Boeri. La carta, un tempo vissuta in forma di libri, rinasce come creature simboliche, rielaborando le conoscenze, le informazioni e i valori che hanno giudicato e determinato il nostro tempo. Attraverso di esse il pubblico viene esortato a ripensare all’attuale pratica non ecologica e a cercare nuove vie di uscita.
Palazzo Contarini Polignac, Dorsoduro 874
23 aprile – 27 novembre 2022
Orario: 10.00 – 18.00, chiuso il martedì
Email per informazioni generali: timesreimagined@gmail.com
www.timesreimagined.com

 

Claire Tabouret: I am spacious, singing flesh
Istituzione organizzatrice: FABA Fundazión Almine Y Bernard Ruiz-Picasso para el Arte
Claire Tabouret: I am spacious, singing flesh
presenta una nuova lettura critica dell’opera dell’artista in una notevole mostra di indagine curata da Kathryn Weir che affronta molteplici trasformazioni: di sé, dell’altro, delle identità collettive, della lotta, della liberazione, del rifugio. Nella mostra si crea anche un inaspettato dialogo con una serie di oggetti devozionali tratti da collezioni archeologiche e liturgiche italiane, invocando una soglia ambivalente nella pratica di Tabouret, che apre a temporalità e soggettività multiple attraverso cui considerare relazioni alternative tra gli esseri umani, e tra gli esseri umani e il loro ambiente, in comunicazione con il soprannaturale di fronte alle crisi ecologiche e sociali.
Palazzo Cavanis, Dorsoduro 920
23 aprile – 27 novembre 2022
Orario: 10.00 – 18.00, chiuso il lunedì
Email per informazioni generali: gwenvael.launay@fabarte.org
https://www.fabarte.org

 

Eugen Raportoru: The Abduction from the Seraglio 
Roma Women: Performative Strategies of Resistance
Istituzione organizzatrice: ERIAC European Roma Institute for Arts and Culture
Una poliedrica e caleidoscopica capsula del tempo, una serie di installazioni di oggetti site-specific che popolano lo spazio domestico dei Rom. La serie si basa sulla comprensione del significato delle narrazioni che tali oggetti incarnano, nonché sulla loro capacità di informare e riflettere la cultura, la vita e la distribuzione della conoscenza rom. Viene ripercorsa la storia della crescente presenza dei tappeti orientali nelle famiglie dell’Est Europa, invitando a meditare sulla specifica configurazione spazio-temporale dei concetti di identità e storia, ma anche di trauma, speranza, corpo e affezione. Una serie di interventi riflette ulteriormente sulla doppia posizione di minoranza delle donne Rom, creando una camera di risonanza che ci permette di ascoltare e imparare dalle loro voci.
Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti, San Marco 2945, Campo Santo Stefano
23 aprile – 27 novembre 2022
Orario: 9.30 – 17.30, chiuso il lunedì
Email per informazioni generali: eriac@eriac.org
www.eriac.org
www.eriac.org/Abduction

 

EWA KURYLUK
I, White Kangaroo
Istituzione organizzatrice: Starak Family Foundation
La mostra di Ewa Kuryluk è un incontro con l’artista e con l’intellettuale, un viaggio sulle tracce dei luoghi per lei importanti: Corinto, la “Little Italy” della Varsavia del dopoguerra, la “Little Venice” di Londra, fino a New York. La prosa postmoderna e i saggi eruditi della storica dell’arte lasciano qui spazio a una figlia sensibile, sorella e amante, la cui storia è racchiusa nelle installazioni effimere e personali fatte di tempo, aria e tessuto. Ewa Kuryluk è una delle più importanti artiste polacche contemporanee, conosciuta in tutto il mondo grazie a più di cinquanta mostre personali in Europa, negli Stati Uniti, in America del Sud, Canada e Giappone. Pioniera delle installazioni tessili effimere, pittrice, fotografa, storica dell’arte, scrittrice e poetessa, le sue opere fanno parte di collezioni pubbliche e private in Europa e negli Stati Uniti.
Palazzo Querini, Dorsoduro 2691
23 Aprile – 27 Novembre 2022
Orario: dal 23 aprile al 25 settembre, 11.00 – 19.00; dal 27 settembre al 27 novembre, 10.00 – 18.00; chiuso il lunedì (tranne il 25 aprile)
Email per informazioni generali: info@starakfoundation.org
www.starakfoundation.org

 

From Palestine With Art
Istituzione organizzatrice: Palestine Museum US
La mostra, promossa dal Palestine Museum US, rivela la ricchezza dell’arte contemporanea prodotta in Palestina e nella diaspora. Contestualizzando il linguaggio del modernismo, gli artisti interpretano codici e simboli per mostrare la bellezza della terra e del popolo palestinese. L’ulivo, amato dalla gente, si trova al centro della mostra sopra una mappa storica della Palestina, circondato da abiti ricamati e dipinti. From Palestine With Art crea una potente dichiarazione che corrisponde alla determinazione dei palestinesi di abbracciare la terra e il patrimonio storico-culturale.
Palazzo Mora, Room 8, Cannaregio 3659
23 aprile – 27 novembre 2022
Orario: 10.00 – 18.00, chiuso il martedì
Email per informazioni generali: info@PalestineMuseum.US
https://www.palestinemuseum.us

 

Ha Chong-Hyun
Istituzione organizzatrice: Kukje Art and Culture Foundation
Ha Chong-Hyun è famoso come artista Dansaekhwa, ma questa definizione riguarda solo uno degli aspetti di una poliedrica attività dedicata da più di cinquant’anni all’esplorazione dei materiali e delle loro proprietà. Dopo la guerra di Corea, Ha realizza opere astratte tridimensionali utilizzando oggetti di recupero che riflettono i devastanti traumi causati dalla guerra. Nel 1974 inizia a lavorare all’acclamata serie Conjunction impiegando bae-ap-bub, l’innovativo metodo messo a punto dall’artista che consiste nel premere i colori a olio dal retro della trama della tela verso la parte frontale. Questo approccio rappresenta l’impegno di Ha a sfidare lo status quo e a creare un vocabolario artistico unico. Questa retrospettiva presenta l’intera gamma dei materiali, dei metodi e delle sperimentazioni creative dell’artista e mette in luce il suo ruolo pioneristico nel panorama dell’arte coreana contemporanea.
Palazzetto Tito, Dorsoduro 2826
23 aprile – 24 agosto 2022
Orario: 10.30 – 17.30
Email per informazioni generali: info@bevilacqualamasa.it
https://kukjeacf.com/about/

 

Heinz Mack - Vibration of Light
Istituzione organizzatrice: Biblioteca Nazionale Marciana
L’ampia mostra personale di Heinz Mack, già presente alla Biennale nel 1970 per il padiglione della Germania, offre un significativo excursus del lavoro dell’artista cinetico e fondatore del gruppo ZERO, in uno dei luoghi più iconici di Venezia. Grazie a un’imponente installazione spaziale, i quadri monumentali e le stele di luce di Mack incontrano i capolavori di Tiziano, Tintoretto e Veronese. Le stele riflettono la luce e lo spazio espositivo, con i suoi dipinti rinascimentali, viene assorbito e riflesso. La luce, che gioca un ruolo centrale nell’opera di Mack (e in questa mostra), definisce le campiture di colore di dipinti contemplativi, che trascendono lo spazio storico in un temporaneo luogo di meditazione.
Museo Correr, Piazza San Marco 52
23 aprile – 17 luglio 2022
Orario: 10.00 – 17.00 (ultimo ingresso alle 16.00)
Email per informazioni generali: b-marc.stampa@beniculturali.it
https://bibliotecanazionalemarciana.cultura.gov.it/

 

Impossible Dreams
Istituzione organizzatrice: Taipei Fine Arts Museum of Taiwan
L’allestimento archivistico e gli eventi sono progettati per essere percorsi come piattaforme che interagiscono, dialogano reciprocamente stimolate una dal materiale dell’altra. Lungi dall’essere iniziative curatoriali a sé stanti, essi si pongono come un punto di incontro tra memoria (l’archivio) e presenza (l’evento), entrambe a sostegno della fiducia nel futuro. Se l’archivio diventa un evento estetico, l’evento diventa un archivio deliberativo. L’evento è un dinamico seminario di gesti performativi, mentre l’archivio racchiude oggetti enigmatici. Impossible Dreams prende atto delle costrizioni imposte dalla crisi imperante e, al contempo, mira alla realizzazione di una possibilità. Impossibile significa “non ancora possibile”, la descrizione di una condizione e la speranza di cose, persone e mondi futuri migliori. Come i sogni che emergono dai traumi e da corpi e spiriti che spaziano all’interno di differenti universi, questo progetto si pone come un’opera della memoria e del confronto dialettico.
Palazzo delle Prigioni, Castello 4209
23 aprile – 27 novembre 2022
Orario: dal 23 aprile al 25 settembre, 11.00 – 19.00; dal 27 settembre al 27 novembre, 10.00 – 18.00; chiuso il lunedì (tranne il 25 aprile, 30 maggio, 27 giugno, 25 luglio, 15 agosto, 5 e 19 settembre, 31 ottobre, 21 novembre)
Email per informazioni generali: info-tfam@mail.taipei.gov.tw
www.tfam.museum

 

Katharina Grosse
APOLLO, APOLLO

Istituzione organizzatrice: Fondation Louis Vuitton
In un ambiente nero, Apollo, Apollo presenta l’immagine delle mani di Katharina Grosse stampata su una maglia metallica, raffigurante il momento in cui i confini tra il corpo dell’artista e la materia colorata si confondono nell’atto creativo. Grazie alla sua fluidità metallica e all’intensità cromatica, che assumono una particolare risonanza nel contesto veneziano, quest’opera fonde la trasparenza con l’opacità, lasciando filtrare la luce e creando una porta verso un mondo onirico in cui i visitatori si interrogano sui confini tra realtà e immaginazione.
Spazio Louis Vuitton, San Marco 1353, Calle del Ridotto
23 aprile – 27 novembre 2022
Orario: 10.30 – 19.00
Email per informazioni generali: info_espace.it@louisvuitton.com
https://www.fondationlouisvuitton.fr/fr

 

Kehinde Wiley: An Archaeology of Silence
Istituzione organizzatrice: Musée d'Orsay
Kehinde Wiley: An Archaeology of Silence
è una riflessione sulle brutalità del passato coloniale statunitense e mondiale. L’esposizione comprende una raccolta di nuovi dipinti e sculture monumentali che si interrogano sull’omicidio di persone di colore in tutto il mondo e su come i media globali abbiano portato alla luce atrocità che un tempo erano state messe sotto silenzio. “È questa l’archeologia che sto cercando di disseppellire”, afferma Wiley, ossia “lo spettro della violenza della polizia e del controllo dello Stato sui corpi di giovani di colore in tutto il mondo”. I nuovi ritratti raccontano una storia di sopravvivenza e resilienza, presentandosi come monumenti alla capacità di resistenza e perseveranza di fronte alla ferocia.
Fondazione Giorgio Cini, Isola di San Giorgio Maggiore
23 aprile – 24 luglio 2022
Orario: 11.00 – 19.00, chiuso il lunedì
Email per informazioni generali: kehindewileyvenezia@gmail.com
https://www.musee-orsay.fr/fr

 

Lita Albuquerque: Liquid Light
Istituzione organizzatrice: bardoLA
L’astronauta del XXV secolo del film di Albuquerque trasporta una conoscenza ultraterrena attraverso i piani del celeste e del terrestre. Come per i mercanti che arrivavano nella Venezia di un tempo, o i turisti che vi approdano oggi, è un incontro di stupore e preoccupazione: stupore per ciò che è sopravvissuto alla corruzione del tempo e preoccupazione per la sua continua sopravvivenza. Amalgama di iconografia, storia personale e paesaggi emotivi che incarnano la mitologia dell’artista, Liquid Light viene esposto come un’installazione video trittico, in concerto con le componenti dell’installazione provenienti e create in loco in collaborazione con artigiani veneziani.
Olivolo, San Pietro di Castello 65/A
23 aprile – 27 novembre 2022
Orario: 10.00 – 18.00, chiuso il lunedì
Email per informazioni generali: hello@bardoLA.org
www.bardoLA.org

 

Louise Nevelson. Persistence
Istituzione organizzatrice: The Louise Nevelson Foundation
Nel sessantesimo anniversario della presentazione di Louise Nevelson nel padiglione americano della 31. Esposizione Internazionale d’Arte del 1962, questa mostra si concentra sulla pratica che ha segnato il suo contributo più importante all’arte del Novecento: l’assemblage. Curata da Julia Bryan-Wilson, la rassegna sottolinea la straordinaria capacità dell’artista di assemblare materiali diversi e riunisce oltre sessanta lavori prodotti nell’arco di trent’anni: le celebri monumentali sculture nere da muro, ma anche i meno conosciuti collage in una gamma di materiali quotidiani come pagine di giornale, cartone, alluminio, carta vetrata, tessuto. Esposti in maniera non cronologica, questi lavori riaffermano la persistenza dell’estetica della Nevelson e la rilevanza della sua pratica per il pubblico contemporaneo.
Procuratie Vecchie, Piazza San Marco 1218/B
23 aprile – 11 settembre 2022
Orario: 10.00 – 18.00, dal martedì al sabato
Email per informazioni generali: info@louisenevelsonvenice.com
https://www.artecontinua.org/

 

Lucio Fontana / Antony Gormley
Istituzione organizzatrice: Associazione Arte Continua
Lucio Fontana / Antony Gormley
è una mostra costruita su una serrata conversazione tra lavori che guardano all’implicazione di luce, spazio e assenza per entrambi gli artisti. Sono esposti una selezione di disegni realizzati da Lucio Fontana tra il 1946 e il 1968 e una serie di opere su carta e quaderni che percorrono tutti gli aspetti della ricerca di Antony Gormley, insieme alla presenza di alcune sculture di entrambi gli autori. Tanto nella loro dimensione bidimensionale quanto in quella tridimensionale, il loro lavoro “abita” lo spazio e l’attenzione si sposta dall’oggetto nello spazio allo spazio stesso. Ogni singolo lavoro porta con sé la traccia della realtà del momento in cui il gesto, sia esso scultoreo o grafico, sprigiona la tensione energetica contenuta nella sua stessa esecuzione. Il segno diventa dunque anche una registrazione del tempo.
Negozio Olivetti, Piazza San Marco 101 23 aprile – 27 novembre 2022
Orario: 10.00 – 18.30, chiuso il lunedì
Email per informazioni generali: info@artecontinua.org; fainegoziolivetti@fondoambiente.it
https://www.artecontinua.org/

 

Pera + Flora + Fauna
The Story of Indigenousness and the Ownership of History
Istituzione organizzatrice: PORT People of Remarkable Talents
Il discorso sull’indigeneità e la natura è largamente influenzato dagli atteggiamenti culturali tradizionali delle nazioni industrializzate, le stesse nazioni che contribuiscono al problema ambientale esistente. Ciò conduce a domande come: il pensiero estetico può portare alla conservazione e al ripristino della natura o dell’indigeneità? Le popolazioni indigene in tutto il mondo possono sfidare la tradizionale storia (dell’arte) documentata, scritta dai non indigeni? Le popolazioni indigene possono ottenere la libertà di rivendicare collettivamente “la propria storia e le proprie narrazioni”, opponendosi al discorso dominante? Pera + Flora + Fauna intende affrontare queste domande attingendo alle diverse prospettive dell’uomo, della natura e della loro interrelazione.
Archivi della Misericordia, Cannaregio 3549
23 aprile – 27 novembre 2022
Orario: 10.00 – 18.00, chiuso il lunedì (tranne lunedì 25 aprile, 30 maggio, 27 giugno, 25 luglio, 15 agosto, 5 e 19 settembre, 31 ottobre, 21 novembre).
Email per informazioni generali: portperak@gmail.com
http://portipoh.com.my/

 

Road of Faith
Istituzione organizzatrice: Fondazione EMGdotART
Road of Faith
mostra il processo di risveglio dell’uomo che, seguendo il proprio intuito, lotta contro il caos della sua mente e della dimensione divina. La mostra è costituita da tre sezioni: Ocean Bloom, Ode to the Nymph of the Luo River, e With the Immutability of the Absolute. L’opera letteraria ispirata al classico cinese Ci Fu, Ode to the Nymph of the Luo River è presentata con l’ausilio di inchiostro a colori e tecnologia VR. Nel passaggio da due a tre dimensioni, supportato da una musica originale contenente i fonemi dell’opera cinese e dell’opera occidentale che fungono da guida, il pubblico assiste all’incessante conflitto e alla lotta tra gli esseri umani e la loro avidità nel ciclo della reincarnazione.
Palazzo Zen, Cannaregio 4924
27 agosto – 27 novembre 2022
Orario: 14.30 – 19.00, chiuso il martedì
Email per informazioni generali: info@fondazioneemgdotart.com
www.emgdotart.org

 

Rony Plesl: Trees Grow from the Sk
Istituzione organizzatrice: House of Art Ceske Budejovice
Il progetto espositivo dell’artista ceco Rony Plesl affronta le questioni basilari dell’essenza dell’esistenza umana e della definizione dell’umanità stessa. Medita inoltre sul rapporto tra uomo e natura, fornendo una riflessione immediata su questa relazione su vari livelli di significato. Il concetto generale e l’installazione site-specific di opere d’arte in vetro seguono una narrativa che è centrata attorno all’idea del viaggio; alla ricerca del cammino individuale e del proprio percorso nel mondo odierno. La realizzazione del progetto veneziano presenta in anteprima mondiale un’esclusiva tecnologia di colata del vetro che consente di creare sculture senza alcuna limitazione.
Chiesa di Santa Maria della Visitazione, Fondamenta Zattere ai Gesuati
23 Aprile – 27 Novembre 2022
Orario: dal 23 aprile al 25 settembre, 11.00 – 19.00; dal 27 settembre al 27 novembre, 10.00 – 18.00; chiuso il martedì
Email per informazioni generali: studio@ronyplesl.com
dumumenicb.cz/en/
ronypleslbiennale.com

 

Stanley Whitney: the Italian Paintings
Istituzione organizzatrice: Buffalo AKG Art Museum
È dalla metà degli anni Settanta che il virtuosistico pittore astratto Stanley Whitney, nato negli Stati Uniti nel 1946, esplora le possibilità formali del colore all’interno di griglie in perenne evoluzione di blocchi multicolori e campi gestuali. Un periodo formativo trascorso vivendo in Italia nei primi anni Novanta, in cui l’artista è stato assorbito dall’arte e dall’architettura del paese, ha trasformato per sempre la composizione dei suoi dipinti. Questa mostra, curata da Cathleen Chaffee e Vincenzo de Bellis, è la prima a raccogliere le opere realizzate da Whitney in Italia dagli anni Novanta ad oggi, e a esaminare l’influenza dell’arte e dell’architettura italiane sulla sua pittura.
Palazzo Tiepolo Passi, San Polo 2774
23 aprile – 27 novembre 2022
Orario: 10.00 – 18.00, chiuso il lunedì
Email per informazioni generali: info@buffaloakg.org
http://www.buffaloakg.org

 

Take Your Time
Istituzione organizzatrice: Nomas Foundation
È al concetto di Tempo che Francesca Leone rivolge lo sguardo: è il tempo della ruggine che si ossida sul metallo, lo graffia, lo scalfisce, è su questa pelle che l’artista interviene e insinua delicatamente il colore, copre le ferite. È in questo dialogo di memorie che Leone costruisce la propria visionarietà narrativa, dove una Natura dolorosa chiede una pausa, come sussurrano queste opere che invitano a fermarsi, concedere tempo ai pensieri, far affiorare i sogni. Prendersi il proprio tempo significa concedersi il privilegio dello sguardo, dare il tempo all’arte per scrivere il proprio racconto. Un gesto rivoltoso per far scaturire un nuovo pensiero utopico, un nuovo incanto.
Salone Verde, Sestiere Santa Croce 2258, Calle della Regina
23 aprile – 27 novembre 2022
Orario: dal 23 aprile al 25 settembre, 11.00 – 19.00; 27 settembre al 27 novembre, 10:00 – 18:00; chiuso il lunedì (tranne il 25 aprile, 30 maggio, 27 giugno, 25 luglio, 15 agosto, 5 e 19 settembre, 31 ottobre, 21 novembre)
Email per informazioni generali: info@nomasfoundation.com
www.nomasfoundation.com

 

This is Ukraine: Defending Freedom @ Venice 2022
Istituzione organizzatrice: Victor Pinchuk Foundation
PinchukArtCentre insieme alla Fondazione di Viktor Pinchuk presenteranno la mostra: This is Ukraine: Defending Freedom, come Evento Collaterale della Biennale Arte 2022, che si terrà presso la Scuola Grande della Misericordia dal 23 aprile al 7 agosto 2022. All’interno dell’Evento Collaterale, presentato in collaborazione con l’Ufficio del Presidente dell’Ucraina e il Ministero della cultura e dell’informazione dell’Ucraina, saranno esibite le opere degli artisti contemporanei ucraini nel contesto della storia e cultura nazionale con il sostegno dei pittori internazionali. L’esposizione sostituirà la mostra The FutureGeneration Art Prize @ Venice 2022. La mostra, composta da due parti, conferma la saldezza culturale dell’Ucraina, che da sempre, e perfino nei tempi più duri, si esprimeva nella capacità di pensiero critico e creatività. Rifiutando i racconti diretti sulla guerra, i pittori nello stesso tempo analizzano profondamente il loro significato, origine ed influenza. L’esposizione This is Ukraine: Defending Freedom racconta la forza, la creatività e l’amicizia. Ma prima di tutto è dedicata alle nostre libertà collettive - libertà di scelta, libertà di parola, libertà di esistenza.
Scuola Grande della Misericordia, Cannaregio 3599
23 aprile – 7 agosto 2022 Orario: 10.00 – 18.00, chiuso il lunedì
Email per informazioni generali: pinchukartcentre2022@gmail.com 
https://new.pinchukartcentre.org/ua/

 

Tue Greenfort: Medusa Alga Laguna
Istituzione organizzatrice: ERES Foundation
Incentrata sulle forme di vita interspecie che popolano la laguna di Venezia, l’installazione Medusa Alga Laguna, a cura dell’artista concettuale danese Tue Greenfort, coniuga relazioni umane e non umane. Le espressioni scultoree – talvolta realizzate in vetro in riferimento alle rappresentazioni naturali realistiche della metà del XIX secolo – ci trasportano all’interno della biodiversità delle acque veneziane, rivelando l’affascinante complessità di forme di vita marine come alghe e meduse. La personale è presentata dalla Fondazione ERES di Monaco, istituzione che promuove il dialogo tra scienza e belle arti. La mostra rappresenta una tappa successiva del progetto di Greenfort Alga esposto a Monaco (2021).
Castello 1228, Ca' Sarasina
23 aprile – 1 novembre 2022
Orario: dal 23 aprile all’11 settembre (venerdì, sabato, domenica 11.00 – 18.00); dal 30 settembre al 3 ottobre (11.00 – 18.00); dal 28 ottobre al 1 novembre (11.00 – 18.00)
Email per informazioni generali: info@eres-stiftung.de ; presse@eres-stiftung.de
www.eres-stiftung.de

 

Uncombed, Unforeseen, Unconstrained
Istituzione organizzatrice: Parasol unit foundation for contemporary art
La fondazione londinese Parasol unit presenta una mostra di undici artisti contemporanei i cui lavori si allineano al fenomeno dell’entropia, o misura del disordine. Secondo la curatrice iba Ardalan, gli artisti Darren Almond, Oliver Beer, Rana Begum con Hyetal, Julian Charrière, David Claerbout, Bharti Kher, Arghavan Khosravi, Teresa Margolles, Si On, Martin Puryear, e Rayyane Tabet hanno indipendentemente identificato e risposto in modo toccante a una serie di drammatici fenomeni che, negli ultimi decenni, hanno raggiunto un crescente grado di rilevanza nella nostra vita quotidiana, nel nostro ambiente e all’interno della nostra storia sociale e colle iva, minacciando così la vita sul pianeta Terra.
Conservatorio di Musica Benedetto Marcello, San Marco 2810 23 aprile –27 novembre 2022
Orario: 10.00 – 18.00, chiuso la domenica
Email per informazioni generali: info@parasol-unit.org
https://parasol-unit.org/

 

Vera Molnár: Icône 2020
Istituzione organizzatrice: Accademia d'Ungheria in Roma
Vera Molnar: Icône 2020 è una mostra incentrata su una nuovo progetto espositivo, Icône 2020, ideata, prodotta e curata da Francesca Franco. Si tratta della prima scultura in vetro creata da Vera Molnár (nata nel 1924) in una carriera che abbraccia oltre ottant’anni. Prendendo spunto dalla nuova commissione, la mostra esplora il processo che ha reso possibile la creazione di questa scultura, ed è arricchita da schizzi preparatori, dipinti su tela, grafiche al plotter originali e materiale di documentazione che rivelano la complessità che si cela dietro alla realizzazione di Icône 2020, incoraggiando un nuovo pensiero sulla scultura e sulle inimmaginabili ramificazioni dell’arte computazionale.
Atelier Muranese, New Murano Gallery, Calle Alvise Vivarini 6, Murano
23 aprile – 27 novembre 2022
Orario: 10.00 – 16.00
Email per informazioni generali: info@ateliermuranese.com
https://culture.hu/it/roma
www.ateliermuranese.com

 

With hands signs grow
Istituzioni organizzatrici: Fundación Odalys, Signum Foundation
Su iniziativa della Fondazione Odalys e della Signum Foundation, con il supporto del Museo Nazionale e Centro di Ricerca di Altamira (Ministero della Cultura e dello Sport, Spagna), hanno consentito un progetto di intervento artistico a Palazzo Donà, che comprende diversi site-specific, progetti pensati per vari ambienti di questo Palazzo. Si tratta di un gruppo di quattro giovani artisti (Ruth Gómez, Nuria Mora, Daniel Muñoz e Sixe Paredes) il cui processo creativo ha in comune il desiderio di condividere la loro visione del mondo attraverso l’arte. In modo tale che questi interventi nello spazio del Palazzo possano essere definiti come un insieme di micro racconti del territorio personale di ogni artista, un territorio che è pubblico – oggi – ma anche inespugnato, per il suo carico storico. Gli artisti hanno lavorato sul luogo, associando ad ognuno di loro una parete/pavimento o una stanza di Palazzo Donà. Gli artisti hanno realizzato un’opera collocata tanto a parete come a terra, oppure dispiegata in modo tridimensionale, evitando di intaccare gli elementi strutturali e storici del Palazzo. Un’opera multipla nell’atrio interno del Palazzo, sotto forma di un grande assemblage di immagini, con immagini fornite dal Museo Nazionale e Centro Ricerche di Altamira, evoca la Grotta di Altamira (visitabile anche attraverso immagini in movimento). Nella solitudine della grotta, si ascoltano i suoi suoni, accanto al pozzo del Palazzo Veneziano.
Palazzo Donà Brusa, San Polo 2177
23 aprile – 27 novembre 2022
Orario: 10:00 – 18:00 chiuso il lunedì Email per informazioni generali: fundacion@odalys.com
www.signum.art.pl
www.odalys.com

 

Without Women
Istituzione organizzatrice: Visual Research Support Foundation
L’opera di Zinaida Without Women parla della purezza della vita degli allevatori di pecore nella natura e della trasformazione dell’energia maschile. Dall’infanzia fino a quando non diventano troppo vecchi, gli uomini nei villaggi dei Carpazi lasciano le loro case e salgono in montagna per cinque mesi. In mezzo a una moltitudine di pecore e mucche trasformano il latte in burro e formaggio. In questa azione di sublimazione, che rivela appieno i ruoli maschili, la mascolinità si rinnova fino a raggiungere la purezza. Nel loro ambiente solitario, gli uomini possono esprimere e rinnovare la propria natura maschile in modo completo e vivido. Proprio come i monaci, essi vivono da soli, in seno alla natura e senza donne. L’opera è composta da tre video e dall’installazione The Milk of Life.
Spiazzi, Castello 3856
23 aprile – 27 novembre 2022
Orario: dal 23 aprile al 25 settembre, 11.00 – 19.00, dal 27 settembre al 27 novembre, 10.00 – 18.00, chiuso il lunedì
Email per informazioni generali: media@zinaida.art e n.rudnyk@zinaida.art
https://zinaida.art/without-womenhttps://en.vrsf.online

 

“YiiMa” Art Group: Allegory of Dreams
Istituzione organizzatrice: The Macao Museum of Art
Allegory of Dreams
è una mostra d’arte contemporanea onnicomprensiva che espone una documentazione di performance art, fotografia e video, nonché sculture all’interno e all’aperto. Curata da João Miguel Barros, l’esposizione presenta lavori di “YiiMa”, un gruppo artistico formatosi a Macao e composto da Ung Vai Meng e Chan Hin Io. In linea con The Milk of Dreams, la mostra è concepita e sviluppata come Allegory of Dreams (allegoria dei sogni). Proponendo registrazioni della performance dal vivo dei due artisti, l’evento vuole presentare ai visitatori l’eccezionale ambiente culturale di Macao, pregno di ricordi e storia, offrendo loro l’opportunità di viverne le scene oniriche e al contempo allegoriche della vita quotidiana.
Arsenale, Castello 2126/A, Campo della Tana
23 aprile – 20 ottobre 2022
Orario: 10.00 – 18.00 (chiuso il lunedì, eccetto il 25 aprile, 30 maggio, 27 giugno, 25 luglio, 15 agosto, 5 e 19 settembre)
Email per informazioni generali: MAM@icm.gov.mo
www.mam.gov.mo

Biennale Arte
Biennale Arte