fbpx Biennale Arte 2022 | Ibrahim El-Salahi
La Biennale di Venezia

Your are here

Ibrahim El-Salahi

1930, Sudan


  • MAR - DOM
    23/04 > 25/09
    11.00 - 19.00

    VEN - SAB FINO AL 25/09
    11.00 - 20.00

    MAR - DOM
    27/09 > 27/11
    10.00 - 18.00
     
  • Arsenale
  • Ingresso con biglietto

Apprezzato per il carattere lirico e onirico dei suoi disegni e dipinti, l’artista, intellettuale e poeta sudanese Ibrahim El-Salahi fonde elementi di calligrafia araba, tradizione ornamentale del Sudan e spiritualismo islamico insieme a convenzioni formali di astrazione pittorica, apprese studiando alla Slade School  of Fine Art di Londra negli anni Cinquanta. Tra i fondatori della Scuola di Khartum, movimento artistico modernista caratterizzato dall’interesse per la conservazione e l’esplorazione del patrimonio estetico sudanese, in seguito all’indipendenza nazionale proclamata nel 1956 El-Salahi assume il ruolo di funzionario pubblico con l’incarico di istituire il Dipartimento della cultura del Paese e conduce per diversi anni un programma televisivo, intitolato Bayt Al-Jak (La casa di Jack). Nel 1975, tuttavia, ingiustamente accusato di aver preso parte a un tentativo di colpo di Stato, viene detenuto per sei mesi senza processo nel famigerato carcere di Kober. Durante la prigionia, disegnava di nascosto su frammenti di cemento che poi interrava affinché non venissero scoperti. I disegni della serie Behind the Mask sono stati realizzati durante la pandemia da Covid-19. Ritraendo figure e volti esagerati, astrazioni lineari dissonanti e paesaggi intricati, delimitati da cornici rettangolari corrispondenti alle pieghe della scatola su cui disegna, i nuovi disegni di El-Salahi rispecchiano la claustrofobia vissuta durante la pandemia attraverso composizioni allo stesso tempo soffocanti e stravaganti. 

Madeline Weisburg


Condividi su

Biennale Arte
Biennale Arte