fbpx Biennale Arte 2022 | Lynn Hershman Leeson
La Biennale di Venezia

Your are here

Lynn Hershman Leeson

1941, USA


  • MAR - DOM
    23/04 > 25/09
    11.00 - 19.00

    VEN - SAB FINO AL 25/09
    11.00 - 20.00

    MAR - DOM
    27/09 > 27/11
    10.00 - 18.00
  • Arsenale
  • Ingresso con biglietto

Lynn Hershman Leeson dà vita a provocatorie e concettualmente prescienti opere che includono installazioni, performance, fotografie, video, media interattivi e Net Art, ed esplorano temi quali sorveglianza, privacy, intelligenza artificiale, cibernetica e ingegneria genetica con un approccio diaristico. I suoi lavori sugli organismi cibernetici e sull’intelligenza artificiale sondano i modi in cui rappresentiamo noi stessi. In alcuni video come Seduction of a Cyborg (1994), in cui una donna cieca accetta di sottoporsi a un trattamento che le consentirà di vedere attraverso lo schermo di un computer, o Teknolust (2002), commedia fantascientifica su una biogenetista che crea tre cloni cyborg usando il proprio Dna, la tecnologia diventa uno strumento di controllo, visione e percezione, ma anche mezzo di autoaffermazione. La serie di stampe su specchio intitolate Missing Person presenta ritratti fotografici di persone inesistenti. Creata mediante tecnologie di intelligenza artificiale, Missing Person, Cyborg (2021) ritrae una donna bionda, che guarda placida davanti a sé: piccole cifre appena visibili accanto agli occhi e sul collo, tuttavia, rivelano i difetti del sistema di IA. Anche il video Logic Paralyzes the Heart (2021), in cui la voce narrante è una cyborg di sessantuno anni, è una presa di posizione sull’integrazione del corpo con i sistemi digitali e militari di controllo in continua crescita. All’interno di questo angosciante sistema, gli individui sono trasformati nei loro dati il che, nell’era della sorveglianza, non è molto più di ciò che sono davvero.

Madeline Weisburg

Logic Paralyzes the Heart
Crediti di produzione

Scritto, diretto e prodotto da: Lynn Hershman Leeson
Presenta: Joan Chen as Cyborg 1 e Human Avatar
Director of Photography: Hiro Narita, A.S.C.
Costume Design: Nina Hollein
Original Music: Fabian Vestod e Greendot Studio
Editor e Post Supervisor: Erica Jordan
Compositing e Color Grading: Gary Coates
Sound Design: Dan Olmsted
Co Producers: Laura Wagner
Assistant Producer / Legal Counsel: George M. Rush
Assistant Producers: Emma Scully, George Leeson
Assistant Producer/Hair e Makeup: Marine Bahet
Camera Assistant: Paul Marbury
Gaffer: Eric Blium
Sound: Neil Riha
Set Photographer: Pamela Gentile
Grip: Kevin Ruiz
Teleprompter: Emma Scully, Nathan Andrus Hughes
Extra: January Steward
Archival Research: Noel Barna, Lor O'Connel, Laina Terpstra, Theadora Walsh
Additional Footage Courtesy of: Brit Cruise, KhanAcademy, Shutter Sdtock Pexel, Prelimnger
Tessa Thompson Footage courtesy Shadowstlaker/Hotwire Productions, LLC
Un ringraziamento speciale a: Cecilia Alemani, Natasha Boas, Alexandra Chistova, Kate Crawford Bridget Donahue, Vic Ferrer, Johanna Gosse, Becky Koblick, Marcus Hu, George Leeson, Erin Leland, Ross Nakasone, Trevor Paglen, Marta Papini,Karen Sarkisov, Claudia Altman Siegel, ZKM Center for Art and Media
Filmato a Producers Lab, San Francisco
Commissionato da V.A.C.


Condividi su

Biennale Arte
Biennale Arte