fbpx Biennale Arte 2022 | Felipe Baeza
La Biennale di Venezia

Your are here

Felipe Baeza

1987, Messico


  • MAR - DOM
    23/04 > 25/09
    11.00 - 19.00

    VEN - SAB FINO AL 25/09
    11.00 - 20.00

    MAR - DOM
    27/09 > 27/11
    10.00 - 18.00
  • Arsenale
  • Ingresso con biglietto

Mi apro contro la mia volontà sognando altri pianeti
Sogno altri modi di vedere questa vita

Queste parole danno il titolo a un imponente dipinto di Felipe Baeza, artista che, combinando collage, materiali vari, tempera all’uovo e incisione, realizza opere bidimensionali fortemente materiche. I sogni di altri pianeti, di un’altra vita, prendono forma attraverso corpi, spesso metà umani e metà vegetali, ritratti in uno stato di trasformazione. Da teste umane prorompe un ricco fogliame, che si impossessa di tronco e arti e si fa eroticamente strada dentro e fuori bocche bramose. In linea con i concetti che definiscono la sua opera, l’approccio di Baeza alla materia è visibile anche nei nuovi lavori in mostra alla Biennale Arte 2022, seguito di una serie alla quale l’artista lavora dal 2018. Baeza costruisce le sue figure, strato dopo strato, su pannelli, tela e carta e successivamente leviga, incide e altera fisicamente gli elementi di ogni composizione. Questa intensa manipolazione materica ridefinisce i tradizionali processi pittorici e grafici e, riflettendo sull’esperienza di Baeza come migrante dal Messico agli Stati Uniti e sulla migrazione in atto a livello globale, esprime la sua volontà di creare “corpi profughi”. Descritti dall’artista come lettere d’amore, i suoi dipinti e collage sono profondamente intimi, una forma di fantasioso autoritratto e costruzione del futuro.

Isabella Achenbach


Condividi su

Biennale Arte
Biennale Arte