fbpx Biennale Arte 2022 | Benedetta
La Biennale di Venezia

Your are here

Benedetta

1897 – 1977, Italia


  • MAR - DOM
    23/04 > 25/09
    11.00 - 19.00

    27/09 > 27/11
    10.00 - 18.00
  • Padiglione Centrale
  • Ingresso con biglietto

Nel 1924, quando Benedetta Cappa pubblica il suo primo libro Le forze umane: romanzo astratto con sintesi grafiche, il Futurismo è impegnato in un radicale rinnovamento destinato a mitigare l’impeto ideologico precedente. Come le esponenti e gli esponenti del cosiddetto “Secondo Futurismo” – non ultimo il marito Filippo Tommaso Marinetti –, Benedetta affronta progressivamente questa transizione, cercando di intrappolare la dimensione occulta e cosmologica che governa i fenomeni tradizionalmente esaltati dall’avanguardia. La sua produzione letteraria, che diventa verbo-visiva nei componimenti paroliberi accompagnati da sintesi grafiche, racconta la storia di personaggi solo apparentemente ordinari che vivono esperienze dal sapore eccezionalmente mitico. Il realismo autobiografico è intervallato da capitoli astratti in un linguaggio pseudoscientifico, accompagnati da diciannove illustrazioni a inchiostro nero: poche linee sinuose bastano a descrivere le forze del corpo femminile; un groviglio di linee spezzate corrisponde a una potente fisicità maschile; o, nella sintesi grafica Contatto di due nuclei potenti (femminile e maschile), una strana commistione dei due evoca le scintille generate dal loro incontro. Questo disegno è un condensato di tutte le nozioni che l’autrice deve aver assimilato dalla sua formazione valdeseesteineriana. Sogno e realtà, razionalità e spiritualità, coscienza e subconscio sono alla base anche dei successivi romanzi e, più in generale, di un’opera che mette l’individuo al centro di un inedito Futurismo cosmologico. 

Stefano Mudu

Padiglione Centrale
Vedi su Google Maps

Condividi su

Biennale Arte
Biennale Arte