fbpx Biennale Arte 2022 | Valentine Penrose
La Biennale di Venezia

Your are here

Valentine Penrose

1898, Francia – 1978, UK


  • MAR - DOM
    23/04 > 25/09
    11.00 - 19.00

    27/09 > 27/11
    10.00 - 18.00
     
  • Padiglione Centrale
  • Ingresso con biglietto

Nel 1951 la scrittrice e artista Valentine Penrose pubblica Dons des féminines, un libro che racconta il viaggio in Oriente di due donne dell’alta borghesia europea. I doni cui allude il titolo coincidono con la libertà e l’autonomia rivendicate dalle protagoniste Maria Elona e Rubia, che viaggiano sole, vestono abiti maschili e vivono la loro relazione d’amore omosessuale senza inibizioni. L’intimità tra le due donne, forse ispirata all’affetto per l’artista Alice Rahon con cui Penrose intraprende un simile viaggio in India nel 1936–1937, viene confermata dagli eccentrici e stravaganti collage che associano immagini estrapolate da riviste di scienza e moda per costruire paesaggi incantati in cui piante, animali e mostruosità fanno da sfondo a un percorso di scoperta personale e psicologica. Precedendo Dons des féminines di una ventina d’anni, i collage in mostra sembrano fatti della stessa materia onirica. Le due donne in Ariane (1934) sono inserite in un paesaggio naturale, mentre con i loro corpi incorniciano una città in lontananza. La scena è interrotta dalla presenza di uno strano insetto dorato dotato di due gambe umane, una bizzarra creatura che condiziona la composizione in maniera non dissimile dalla statua-comò che fluttua sul paesaggio montuoso de La Stratégie militaire (1934). Entrambe le figure bric-à-brac ricordano l’impeto inaspettato con cui l’inconscio irrompe anche nel più familiare episodio della realtà. 

Stefano Mudu

Padiglione Centrale
Vedi su Google Maps

Condividi su

Biennale Arte
Biennale Arte