fbpx Biennale Teatro 2022 | Yana Ross - Brief Interviews with Hideous Men - 22 Types of Loneliness
La Biennale di Venezia

Your are here

Teatro

Yana Ross - Brief Interviews with Hideous Men - 22 Types of Loneliness


Durata / Anno:120', 2021, prima italiana
Regia:Yana Ross
Da:David Foster Wallace
Con:Ilknur Bahadir, Conny Dachs, Urs Peter Halter, Michael Neuenschwander, Katie Pears, Lena Schwarz, Julian Gresenz, Knut Jensen
Spazio scenico:Karolien De Schepper, Christophe Engels
Costumi:Zane Pihlstrom
Luci:Christoph Kunz
Drammaturgia:Laura Paetau
Coordinatore dell’intimità:Kasia Szustow
Assistente alla produzione:Samuel Petit
Riprese dal vivo :Julian Gresenz
Video:Algirdas Gradauskas
Musica dal vivo:Knut Jensen
Audience development:Elsa Horstkötter
Tournée e rapporti Internazionali:Sonja Hildebrandt
Assistenti alla scenografia :Ann-Kathrin Bernstetter, Karl Dietrich
Assistente ai costumi :Mona Eglsoer
Direttori di scena:Michael Durrer, Aleksandar Sascha Dinevski
Suggeritore:János Stefan Buchwardt
Traduzione sovratitoli :Panthea
Produzione:Schauspielhaus Zürich
Nota:Spettacolo adatto a un pubblico adulto. Non sono consentite foto.

Descrizione

Yana Ross sostiene che il suo amore per il pensiero di Wallace è il punto di partenza di questa produzione. Il linguaggio di David Foster Wallace in Brevi interviste con uomini schifosi mette in scena il sesso dal vivo e il lavaggio del cervello, scontrandosi così con una domanda cruciale: fin dove possono arrivare gli uomini schifosi e la mascolinità tossica? Wallace colloca la disumanizzazione, la più grande tragedia dell’umanità, nella sfera privata dove nessuno la vede. Le esperienze dolorose arrivano in profondità. Cementate dalla vergogna, non c’è un linguaggio capace di superarle.

Lo spettacolo di Yana Ross osa sfidare la catarsi con mezzi grotteschi. Nel suo lavoro, i testi di Wallace appaiono sotto forma di montaggio, senza una narrazione lineare. Le mascolinità che Wallace aveva descritto in modo così diretto e spregiudicato non sono semplicemente rappresentate, ma performativamente straniate fino all’assurdo. La quotidianità è presentata in modo insolito e distorto e l’abisso dietro la presunta normalità diventa visibile. La regista fa tutto ciò senza censure, cercando di trascendere i confini estetici e usando il dispositivo stilistico del grottesco. Tra i suoi mezzi c’è anche la rappresentazione esplicita del sesso dal vivo, come performance di due pornoattori professionisti. 


Condividi su

Biennale Teatro
Biennale Teatro