fbpx Biennale Arte 2022 | Linda Gazzera
La Biennale di Venezia

Your are here

Linda Gazzera

1890, Italia – 1942, Brasile


  • MAR - DOM
    23/04 > 25/09
    11.00 - 19.00

    27/09 > 27/11
    10.00 - 18.00
     
  • Padiglione Centrale
  • Ingresso con biglietto

Quando Linda Gazzera ha solo ventun anni, lo psicologo torinese Enrico Imoda la definisce come la più importante medium italiana della sua generazione. Grazie al medico, tra il 1908 e il 1909 Gazzera si esibisce in numerosi salotti esoterici italiani ed europei. Per evitare qualsiasi dubbio su eventuali manipolazioni, la medium si cambia insieme alla padrona di casa e delega agli altri ospiti la preparazione del cosiddetto “gabinetto medianico”, ovvero un ambiente delimitato da tendaggi e utile ad agevolare le apparizioni. Solo a quel punto, caduta in uno stato di trance, Gazzera si abbandona al volere del suo spirito guida: un ufficiale di cavalleria di nome Vincenzo, che narra le vicende di altre anime, ne gestisce l’apparizione e ordina l’esecuzione di scatti fotografici a lungo utilizzati come documento clinico, suscitando le reazioni controverse di rinomati medici internazionali. Le diciannove stampe raccolte nel cosiddetto Album Imoda (1909) vengono confezionate dal mentore di Gazzera come omaggio al noto medico e antropologo Cesare Lombroso. La medium appare circondata da una serie di figure definite “ectoplasmi”: sagome completamente bidimensionali che ritraggono mani, fiori o volti avvolti da drappi voluminosi. Più che flussi di energia occulta, sembrano ritagli dipinti da qualche mano esperta. Ben lungi dalle finalità pseudoscientifiche di Imoda, queste fotografie sono oggi il documento di un affascinante artificio e, contemporaneamente, la testimonianza di quanto il corpo possa rendersi teatro dei più convincenti incantesimi. 

Stefano Mudu

Immagine

Enrico Imoda, Album, 1909. L’album contiene fotografie di sedute spiritiche tenute dalla medium Linda Gazzera a Torino dal 1908 al 1909. Diciotto stampe ai sali d’argento e una stampa all’albumina, di diverse misure, inserite in un album in cartoncino, 14 × 19 × 2 cm. Dono del medico Enrico Imoda a Cesare Lombroso. Archivio storico del Museo di Antropologia criminale “Cesare Lombroso”, Università di Torino. © Museo “Cesare Lombroso”

Padiglione Centrale
Vedi su Google Maps

Condividi su

Biennale Arte
Biennale Arte