fbpx Biennale Arte 2022 | Mina Loy
La Biennale di Venezia

Your are here

Mina Loy

1882, Regno Unito – 1966, USA


  • MAR - DOM
    23/04 > 25/09
    11.00 - 19.00

    27/09 > 27/11
    10.00 - 18.00
     
  • Padiglione Centrale
  • Ingresso con biglietto

Difficile ricondurre la pratica artistica di Mina Loy a un’unica matrice stilistica. Il suo girovagare tra Europa e America rende il suo stile alternativamente futurista, dadaista o surrealista. Come dimostrano la raccolta di poesie Aphorisms on Futurism (1914) e la celebre lettera conosciuta come Feminist Manifesto (1914), l’artista sembra adottare le stesse “parole in libertà” dell’avanguardia italiana. Contrariamente agli esponenti del gruppo di Marinetti, tuttavia, Loy concepisce i suoi scritti come messaggi per un pubblico femminile, che invita all’emancipazione intellettuale, sentimentale e sessuale. Stabilitasi oltreoceano, Loy si dedica a un approccio artistico singolare che, pur vicino alle tecniche dadaiste, raggiunge forti esiti surrealisti. Househunting (1950 ca.) conferisce un nuovo spessore al femminismo manifestato negli Aphorisms. Come fosse la rappresentazione visiva di un verso scritto trent’anni prima – “Forget that you live in houses, that you may live in yourself” (Dimentica di vivere in una casa, che tu possa vivere in te stessa) – l’opera consiste nell’assemblage di materiali differenti e presenta la sagoma di una donna che, circondata dalle immagini di dieci architetture, indossa un copricapo riempito con una teiera, un gomitolo di lana, del cibo e dei panni stesi. Se è chiaro che la rappresentazione di questi ultimi sia un riferimento agli stereotipi che impediscono l’indipendenza della donna, il contesto da cui è circondata allude a una libertà di tipo opposto e sembra descrivere lo spirito moderno che guida la sua autrice. 

Stefano Mudu

Immagine

Mina Loy, Househunting, 1950 ca. Assemblage in tecnica mista, 90 × 105,5 cm. Photo Zukor Art Conservation. Collezione Carolyn Burke. Courtesy Carolyn Burke

Padiglione Centrale
Vedi su Google Maps

Condividi su

Biennale Arte
Biennale Arte