fbpx Biennale Arte 2022 | Noor Abuarafeh
La Biennale di Venezia

Your are here

Noor Abuarafeh

1986, Gerusalemme


  • MAR - DOM
    23/04 > 25/09
    11.00 - 19.00

    VEN - SAB FINO AL 25/09
    11.00 - 20.00

    MAR - DOM
    27/09 > 27/11
    10.00 - 18.00
     
  • Arsenale
  • Ingresso con biglietto

L’artista palestinese Noor Abuarafeh crea un corpus complesso che testimonia le modalità di fabbricazione, documentazione e interpretazione della storia. Attraverso la manipolazione di narrazioni, memorie e archivi, l’artista immagina materie e mitologie poetiche per un futuro alternativo. In anni recenti, Abuarafeh esamina il fenomeno della produzione della storia attraverso i processi di conservazione nei musei e nelle mostre. Riflettendo su ciò che gli individui, le autorità e gli interessi privati scelgono di salvaguardare o di rivestire di un eccezionale valore, Abuarafeh articola la tensione tra ciò che viene incluso ed escluso nel progetto di costruzione di una nazione. Il cortometraggio intitolato Am I the Ageless Object at the Museum? (2018) si inserisce in un progetto pluriennale che traccia parallelismi tra diversi spazi destinati alla conservazione e all’esposizione: il museo, lo zoo e il cimitero. Una voce fuori campo accompagna gli spettatori attraverso alcuni parchi zoologici in Palestina, Svizzera ed Egitto. Proprio come i musei, questi luoghi si conformano a uno standard in cui gli animali sono raccolti, ingabbiati, esibiti per il consumo del pubblico e assoggettati a impari dinamiche di potere. Nel raccontare ricordi d’infanzia sui segni zodiacali, sull’evoluzione degli ippopotami e sulla simbologia mitica della balena, la voce narrante immagina di essere essa stessa un grande cetaceo, esposto alla luce del sole e alla natura, come se quel corpo fosse anche il suo.

Madeline Weisburg

Am I the Ageless Object at the Museum?
Crediti di produzione

Scritto, diretto e prodotta da: Noor Abuarafeh
Camera: Noor Abuarafeh, Mohamed Abdelkarim, Tariq Qadamani
Editing: Noor Abuarafeh, Louly Sief
Color Grading: Louly Sief
Sound Design: Louly  Sief
Voice Over: Hussam Jaduo
Supportato da: A.M Qattan Foundation


Condividi su

Biennale Arte
Biennale Arte