fbpx Biennale Danza 2022 | Diego Tortelli - FO:NO
La Biennale di Venezia

Your are here

Danza

Diego Tortelli - FO:NO


Anno/Durata:2022, 50' (prima assoluta)
Coreografia:Diego Tortelli
Danzatori:Jin Young Won, Shay Partush, Luca Cacitti
Musica:AGF
In collaborazione con:il beatboxer Timo Schnepf
Drammaturgia:Miria Wurm
Disegno luci e scene:Roman Fliegel
Gestione di produzione:Miria Wurm
Direttore tecnico:Roman Fliegel
Co-produzione:La Biennale di Venezia, Diego Tortelli & Miria Wurm GbR
Scenografia:Diego Tortelli
Vincitore del bando:Biennale Danza 2022 per una nuova creazione coreografica italiana
Supportato da:Fonds Darstellende Künste
Con fondi provenienti da:Federal Government Commissioner for Culture and Media nel contesto del programma NEUSTART KULTUR Germany
Co-prodotto da:Muffatwerk Munich
Finanziato da:Cultural Department of the City of Munich
Con il gentile supporto di:Tanztendenz München e.V.
Nota:Dopo lo spettacolo del 23.07 seguirà una conversazione con il coreografo

Descrizione

Il punto di partenza di Fo:No è la relazione tra la voce, il corpo e l’identità intesi sia nelle loro forme reali sia in quelle negative. Per quanto riguarda la voce, il suo opposto è rappresentato dal silenzio o dalla disfonia. L’opposto di un corpo virtuoso è la staticità, mentre l’opposto dell’identità è la perdita della caratterizzazione. Il desiderio di analizzare queste relazioni e interazioni nel contesto di un progetto di danza nasce da un’esperienza personale di Tortelli: “Negli ultimi anni, mio padre ha dovuto subire diversi interventi chirurgici alle corde vocali. Ho potuto seguire passo dopo passo i cambiamenti nei suoni e nel tono della sua voce. Ho potuto osservare anche come questi cambiamenti avessero un effetto sulla sua postura, sulle sue interazioni con le altre persone e sulla sua identità. Per la prima volta ho capito come i suoni emessi dalla nostra bocca, e soprattutto dalle nostre corde vocali, possano definire il nostro linguaggio corporeo e quindi la nostra presenza in relazione a ciò che ci circonda”.


Condividi su

Biennale Danza
Biennale Danza