fbpx Biennale Arte 2022 | Merikokeb Berhanu
La Biennale di Venezia

Your are here

Merikokeb Berhanu

1977, Etiopia


  • MAR - DOM
    23/04 > 25/09
    11.00 - 19.00

    27/09 > 27/11
    10.00 - 18.00
  • Padiglione Centrale
  • Ingresso con biglietto

Traboccanti di forme astratte, le tele di Merikokeb Berhanu si trasformano rapidamente in cosmologie e topografie riconoscibili che portano con sé richiami alla natura e ai suoi ritmi universali. La serie intitolata Cellular Universe rende omaggio alla composizione cellulare e agli organi riproduttivi comuni a molte specie: anelli degli alberi, embrioni, baccelli dai colori vivaci, cervelli, tube di Falloppio e altre forme riconoscibili. Berhanu, che proviene da Addis Abeba, ha raccolto molto del lascito del Modernismo etiope. Le sue opere sono caratterizzate da uno spazio senza profondità, con figure e fasce geometriche di colore uniforme che fluttuano sovrapponendosi e mescolandosi le une alle altre. Nelle sue opere più recenti, Berhanu approfondisce la sua indagine sulla specie umana mediante una maggiore inclusione di oggetti tecnologici, come circuiti stampati e microchip. In Untitled LXX (2021), una mucca galleggia in un utero ellittico e un’altra, all’esterno, la guarda dall’alto: forse una madre che vigila sul suo piccolo. Sotto il vitello si estende, come un liquido amniotico digitale e distopico, la trama verde di una scheda madre. Berhanu incorpora la tecnologia nei paesaggi e negli organismi naturali per trasmettere un senso di urgenza, evocando l’esperienza di rapida urbanizzazione che sta prendendo piede nel suo Paese e nel continente di origine così come lo sfrenato consumismo della società occidentale.

Isabella Achenbach

Padiglione Centrale
Vedi su Google Maps

Condividi su

Biennale Arte
Biennale Arte