fbpx Biennale Arte 2022 | Emma Talbot
La Biennale di Venezia

Your are here

Emma Talbot

1969, Regno Unito


  • MAR - DOM
    23/04 > 25/09
    11.00 - 19.00

    VEN - SAB FINO AL 25/09
    11.00 - 20.00

    MAR - DOM
    27/09 > 27/11
    10.00 - 18.00
  • Arsenale
  • Ingresso con biglietto

Nei suoi incantati dipinti su seta che figurano su guaine simili a tende, l’artista britannica Emma Talbot dimostra che gli esperimenti formali possono essere liberatori a livello politico. Citando la teoria della scrittrice femminista francese Hélène Cixous sull’écriture féminine – ovvero sulla scrittura femminile – Talbot conepisce il supporto tessile e le sue caratteristiche formali come mezzo per esprimere un linguaggio artistico femminile. Segnati dall’influenza del pensiero postantropocentrico e postumano, i suoi enormi dipinti, disegni, animazioni e sculture tessili riuniscono forme figurative semplificate, motivi mitologici, schemi ritmici, colori vivaci e testi calligrafici che insieme esprimono aspetti della vita personale e delle esperienze interiori di Talbot, arrivando a toccare tematiche che spaziano dalla tecnologia alla natura, all’urbanistica e all’ecopolitica, fino alla pandemia e all’invecchiamento. Partendo dal titolo dello storico dipinto di Paul Gauguin D’où venons-nous? Que sommes-nous? Où allons-nous? (1897–1898), realizzato in un momento di profonda crisi e di una resa dei conti esistenziale nella carriera dell’artista, l’opera di Talbot Where Do We Come From, What Are We, Where Are We Going? (2021) affronta il desiderio di fuga avvertiti dagli esseri umani nel comune presente di catastrofe climatica. Mettendo in scena una critica implicita all’autoesilio di Gauguin nella colonia francese di Tahiti, dove è ambientato il dipinto, Talbot ricopre la propria opera con testi che sollevano interrogativi su che cos’è la natura e su come – o se – vi si possa effettivamente “fare ritorno” in modo etico. 

Madeline Weisburg


Condividi su

Biennale Arte
Biennale Arte